10 anni di Rovigo svetta 

Torna la cultura di montagna nel cuore di Rovigo. Domenica 6 novembre al Museo dei Grandi Fiumi, da venerdì 11 a domenica 13 novembre al Cinema Duomo, Sala Gran Guardia e Pescheria Nuova 

ROVIGO – Tutto è pronto per la X Edizione di Rovigo Svetta, la manifestazione organizzata dal Club Alpino Italiano di Rovigo, con il patrocinio del Comune di Rovigo, che dal 2012 porta la cultura delle Terre Alte nel cuore della città. Si parte il 6 novembre, al Museo dei Grandi Fiumi, con due appuntamenti pomeridiani che anticipano il fitto calendario dell’11, 12, 13 novembre in Sala Gran Guardia, al Cinema Duomo e Pescheria Nuova

A un mese esatto dalle Celebrazioni del Cai di Rovigo – che ha visto una Sala Gran Guardia gremita all’inverosimile per festeggiare i tanti traguardi dell’associazione – la montagna torna protagonista in città con la manifestazione Rovigo Svetta, la rassegna di cinema e cultura di montagna che da 10 anni è il “rifugio di pianura” di scrittori, registi, alpinisti e tanti altri personaggi legati alle Terre Alte. La grande novità dell’edizione 2022 è che tutti gli appuntamenti si svolgono a Rovigo in 4 location storiche del patrimonio culturale del territorio. 

L’evento è stato presentato oggi a palazzo Nodari.

Dopo i complimenti  e il saluto  del sindaco Edoardo Gaffeo, l’assessore alle Politiche Ambientali Dina Merlo ha sottolineato l’importanza della realtà del Cai rodigino presente da tantissimi anni e con grande seguito di appassionati della montagna e non solo. “E’ importante e bello avere in una città di pianura, questa presenza e queste iniziative che ci fanno conoscere meglio un mondo bellissimo, quale è quello della montagna, che deve però essere affrontato nel modo giusto”. 

I dettagli sono stati poi illustrati dalla presidente del Cai di Rovigo Lidia Fabbri e dal direttore della rassegna Simone Papuzzi.

La rassegna prende il via domenica 6 novembre al Museo dei Grandi Fiumi con due eventi ad ingresso libero. Alle ore 16:30 l’inaugurazione della mostra Emozioni tra le Cime” – viaggio fotografico in bianco e nero nei sistemi dolomitici – di Alberto Perer, Operatore Naturalistico Culturale del Cai Veneto e socio sostenitore della Fondazione Dolomiti Unesco. La mostra è aperta tutti i giorni, fino al 12 novembre, dalle 15 alle 18. Le emozioni visuali lasciano spazio al concerto di Simona Severini (ore 17:30) cantautrice poliedrica che ha mosso i suoi primi passi in ambito jazz. 

Venerdì 11 novembre si entra nel vivo della nuova edizione che vedrà la presentazione di tre libri, tre film e un laboratorio per ragazzi. Spetta allo scrittore bellunese Giuliano Dal Mas inaugurare lo spazio “Incontro con l’autore” in sala Gran Guardia con il libro “Schiara montagna regina” alle ore 18; alle 21 il festival si sposta al Cinema Duomo per la proiezione di “La bicicletta e il badile”, docufilm sulle orme di Hermann Buhl di Alberto Valtellina e Maurizio Panseri. Seguirà il brindisi per festeggiare i 10 anni di Rovigo Svetta e il primo anno di attività della sala Duomo con i vini della cantina Ca’ del Colle

Sabato 12 novembre, sempre alle 18:00 in Gran Guardia, secondo appuntamento culturale per parlare con Franco Faggiani del suo libro “Gente di Montagna”. Il giornalista e narratore, che alterna la scrittura all’esplorazioni in montagna, porta a Rovigo trentacinque racconti di persone che hanno scelto le terre alte per dare una svolta alla loro vita. Alle 21:00 si torma al Cinema Duomo con la pellicola “Malacarne” di Lucia Zanettin che sarà ospite in sala – con una parte del cast – per il dibattito con il pubblico. 

Domenica 13 novembre rush finale con due appuntamenti pomeridiani in sala Pescheria Nuova e con il film serale al Duomo. Dalle 16:00 fino alle 17:30 lo staff di Rovigo Svetta sarà impegnato con il laboratorio “Giochi, intrattenimento e dimostrazioni per bambini”; alle 17:30, sempre in sala Pescheria, l’ultimo incontro con gli autori Simona Bursi e Denis Perilli che racconteranno come è nato il libro “La montagna spiegata ai bambini”. Alle 21:00 spetta al Cinema Duomo salutare il pubblico di Rovigo Svetta con la proiezione del film “Diga” di Emanuele Confortin

«Come gli scorsi anni, anche in questa edizione abbiamo dato il massimo per portare la cultura della montagna nella nostra città», afferma  Papuzzi . «A differenza di molte altre iniziative culturali non ci siamo fermati neanche durante la pandemia e il traguardo più bello di questa decima edizione è tornare nel cuore della nostra Rovigo grazie al fondamentale sostegno dell’amministrazione comunale». 

Rovigo Svetta quest’anno conquista anche le librerie della città: infatti presso il Libraccio e Ubik tutti gli appassionati troveranno diversi titoli legati alla montagna. Al festival ci sarà anche l’edizione Idea Montagna con il suo catalogo completo disponibile domenica 13 novembre presso sala Pescheria Nuova. Tutti gli eventi saranno seguiti in diretta da Radio Kolbe, media partner di Rovigo Svetta. 

Gli appuntamento pomeridiani sono ad ingresso libero. Gli ingressi al Cinema Duomo sono scontati per i soci del Cai 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie