A Rovigo finanziamenti pari a 440mila euro per il commercio

Confesercenti incontra le imprese e tutti gli operatori economici inseriti nel distretto del commercio di Rovigo per illustrare le opportunità del nuovo bando

ROVIGO – Dopo l’incontro di fine agosto ad Adria con le imprese del territorio, mercoledì 13 settembre alle ore 21.00 nella sala Gran Guardia, Confesercenti incontra le imprese e tutti gli operatori economici inseriti nel distretto del commercio di Rovigo per illustrare le opportunità del nuovo bando destinato al Distretto Urbano del Commercio440 mila euro in arrivo a sostegno del commercio. 

“Una grande occasione per le imprese del commercio al dettaglio, della ristorazione oltre alle agenzie di viaggio, palestre, parrucchieri, istituti di bellezza, tatuatori, servizi di cura degli animali da compagnia – ha spiegato il direttore Alvise Canniello durante l’assemblea – Il bando prevede 220mila euro di contributi per aggregazione di imprese e Rovigo, in qualità di comune capoluogo, può avere due aggregazioni per cui raddoppierà i finanziamenti regionali in arrivo”.

Confesercenti rinnova così il suo impegno nel sostegno alle imprese del Polesine, illustrando le opportunità del bando a supporto delle imprese ricomprese nei distretti del commercio e mettendo a disposizione di chi vorrà accedervi, la propria professonalità. Il prossimo appuntamento sarà a Porto Viro.

Le imprese, riunite attorno ad un unico progetto per distretto, potranno investire in promozione del territorio con contributi del 100% della spesa sostenuta e in investimenti che riguardano l’acquisto di arredi, macchinari, sistemi di videosorveglianza, sistemi per l’e-commerce, impianti a fonti rinnovabili e interventi edili-impiantistici con un contributo pari al 50% della spesa. Investimento minimo 15.000 euro per impresa e 400.000 per aggregazione.

Le imprese condividono un progetto complessivo ma potranno investire secondo le singole esigenze.

Le domande dovranno essere presentate da metà settembre fino a metà dicembre, pertanto le imprese interessate dovranno contattare gli uffici territoriali di Confesercenti il prima possibile. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie