Aipo potenzia i presidi nel Veneto e inaugura una nuova sede ad Adria

Taglio del nastro per il secondo Ufficio Operativo dell’Agenzia per l’area del Po veneto, che avrà sede nel palazzo dell’ex-Tribunale di Adria 

ADRIA (Rovigo) – L’Agenzia Interregionale per il fiume Po potenzia i suoi presidi territoriali in Veneto ed inaugura ad Adria una seconda sede nella provincia di Rovigo, dopo quella già operativa nel capoluogo. Il taglio del nastro si è tenuto con l’intervento dell’Assessore all’Ambiente, Clima, Protezione Civile e Dissesto Idrogeologico Gianpaolo Bottacin, componente del Comitato di indirizzo di AIPo; del sindaco del Comune di Adria, Massimo Barbujani; e del direttore vicario di AIPo, Gianluca Zanichelli, accompagnato dal dirigente responsabile Ettore Alberani e dal personale tecnico e amministrativo dell’Agenzia. Numerosi gli esponenti delle istituzioni politiche, delle forze dell’ordine e autorità religiose che non hanno voluto mancare all’appuntamento, mostrando concreto apprezzamento per l’iniziativa volta ad incrementare i servizi dedicati alla sicurezza idraulica nel Delta del Po.

“Ho molto insistito per avere una sede di AIPo anche ad Adria, in aggiunta a quella di Rovigo –ha sottolineato Gianpaolo Bottacin, Assessore all’Ambiente Regione del Veneto –. Il Po è il fiume più lungo d’Italia e può generare dei rischi enormi, come hanno purtroppo potuto provare sulla loro pelle gli abitanti della provincia di Rovigo nel 1951. Proprio per questo ritengo fondamentale un presidio territoriale anche ad Adria visti anche gli importanti interventi di prevenzione che sta realizzando AIPo nei territori del Veneto a tutela della sicurezza dei cittadini. Avere una presenza capillare significa anche avere un maggior controllo e una maggior tempestività durante le fasi emergenziali, che a causa dei cambiamenti climatici stanno diventando sempre più frequenti”.

“Sono estremamente felice per l’apertura di questo nuovo Ufficio Operativo di AIPo che dimostra la reciproca vicinanza tra la Città di Adria e l’Agenzia AIPo – ha dichiarato Massimo Barbujani, sindaco del Comune di Adria –. Questa presenza strategica garantirà maggiore sicurezza al nostro territorio e per questo ringrazio sia l’assessore Bottacin sia il direttore Zanichelli”.

AIPo – ha evidenziato il direttore vicario Gianluca Zanichellida sempre ha visto nella capillare presenza sull’area veneta una necessità strategica e funzionale per la difesa idraulica e la gestione della risorsa idrica. Questa seconda sede nel Rodigino, che si aggiunge a quella di Rovigo, in una realtà di rilievo idraulico e densamente popolata come quella di Adria, coordinerà anche gli ulteriori quattro avamposti già attivi a Polesella, Porto Viro, Taglio di Po, e Porto Tolle. Sono certo che il nostro personale saprà gestire nel modo migliore anche questa nuova esperienza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie