Alla scoperta di Rovigo, Fratta e Delta del Po in Vespa

Vespa club uniti per la promozione del territorio: Roberto Bombonato, presidente del Vespa club Rovigo, esprime la sua soddisfazione

ROVIGO – Vespisti da tutta Europa si sono riuniti grazie a tour specificatamente elaborati dai Vespa club locali, con il chiaro intento di promuovere turisticamente il nostro territorio, cogliendo l’occasione di farlo conoscere ai partecipanti stranieri, estasiati da ciò che è stato loro proposto. Il percorso organizzato ha toccato Fratta Polesine, Rovigo, Chioggia e il Delta del Po.

Quelle appena trascorse sono state giornate molto intense per il Vespa Club Rovigo in prima linea assieme ai club di Occhiobello, Delta del Po di Taglio di Po e al club Vespe del Bosco di Sant’Anna di Chioggia. Tutti impegnati nell’organizzazione di tre tour turistici, svoltosi all’interno della manifestazione “European Vespisti Week 2024”, una rassegna a carattere europeo e internazionale, tenutasi a Montegrotto Terme dal 4 al 7 luglio che ha visto la partecipazione di oltre 5000 vespisti.

Slide 1
Slide 2
Slide 3
Slide 4
Slide 5
Slide 6

Questi quattro Vespa club sono ormai da anni presenti nel territorio con le loro attività, ma l’unione e il lavoro in collaborazione hanno portato a un grande successo delle proposte presentate ai partecipanti, prevalentemente di nazionalità estera che hanno raggiunto la città termale per questo importante raduno. 

Nella giornata di giovedì, due gruppi di circa 80 persone prevalentemente composti da tedeschi, belgi, svizzeri e polacchi hanno visitato la città di Chioggia e la sua laguna per poi percorrere la suggestiva via delle valli di Rosolina con il suo museo diffuso, ma anche Villa Badoer a Fratta Polesine, il Tempio della Rotonda per poi salire in cima alla torre medioevale dei Donà che sovrasta Rovigo, apprendendone la storia grazie alle guide di “Pop out Rovigo”. Il venerdì, un gruppo di oltre 60 vespisti, ha toccato le valli di Porto Levante, la spiaggia di Barricata, il passaggio sul ponte di barche di Santa Giulia e conosciuto la realtà locale della società agricola Moretto a Cassella di Porto Tolle, per poi percorrere la Sacca degli Scardovari illuminata solo dai fari delle due ruote. Le attività sono proseguite poi sabato a Montegrotto, dove all’interno del village, spazio appositamente allestito per l’evento, era in programma una manifestazione sportiva facente parte del calendario sportivo del Vespa Club Italia, la Supercoppa Italiana di Gimkana Vespistica che ha visto 50 piloti contendersi questo ambito trofeo permettendo al pubblico sia italiano e soprattutto straniero di conoscere questo tipo di competizioni sportive.

C’è molta soddisfazione nelle parole di Roberto Bombonato, presidente del Vespa club Rovigo, che si fa portavoce per gli altri club citati prima: “Siamo molto orgogliosi del lavoro svolto grazie all’unione dei club del territorio. Moltissimi sono stati i complimenti ricevuti dai partecipanti, sia per la scelta dei luoghi da far conoscere che per l’organizzazione. Va un grande grazie a tutti i ragazzi del Vespa club Rovigo, Occhiobello, Delta del Po e Vespe del Bosco che hanno lavorato in questi giorni per ottenere questo grande risultato, dimostrando che l’unione fa la forza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie