Alunni spagnoli ospiti dell’Istituto di Badia Polesine 

Uno scambio linguistico rappresenta molto più di una semplice opportunità per apprendere una nuova lingua

BADIA POLESINE (Rovigo) – Nel mese di marzo, le classi 3B dell’indirizzo Sistemi Informativi aziendali e 3A dell’indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing della sede “L. Einaudi” dell’IIS Primo Levi di Badia Polesine hanno ospitato per una settimana un gruppo di dieci alunni spagnoli dell’Istituto IES Pablo Sarasate di Lodosa (Pamplona) accompagnati dai loro docenti Xabi e Edurne. 

Durante la settimana il gruppo ha visitato Verona e Venezia, descritte nelle loro bellezze dagli studenti italiani in lingua straniera, ma anche Badia Polesine, forte del teatro Sociale Eugenio Balzan e dell’Abbazia della Vangadizza. 

Interessanti sono state anche le attività in classe, che in una occasione ha visto unirsi insieme al gruppo anche una classe della sede “E. Balzan” impegnata in uno scambio con un Istituto olandese. Davvero un melting-pot di culture e lingue diverse! Le classi della sede Einaudi sono state accompagnate nell’esperienza soprattutto dalla docente di Lingua Spagnola Sarah Mantovani, sostenuta dalle colleghe di Lettere, Cinzia Malachin e di Inglese, Elisa Richetti

“Uno scambio linguistico rappresenta molto più di una semplice opportunità per apprendere una nuova lingua. È un viaggio attraverso culture diverse, un ponte che collega mondi e mentalità peculiari, permettendo non solo l’acquisizione linguistica, ma anche un arricchimento personale profondo. – Commenta la prof.ssa Mantovani – Questa esperienza ha di certo insegnato la pazienza, l’ascolto e l’empatia, aiutando tutti i ragazzi a sviluppare al contempo abilità comunicative nuove, attraverso la conversazione e la condivisione di esperienze quotidiane”. 

“Finalmente anche per la sede Einaudi sono riprese le attività di scambio linguistico dopo il brusco arresto dovuto all’emergenza sanitaria – commenta il Dirigente Scolastico Amos Golinelli – un sentito ringraziamento a tutte le docenti coinvolte nelle diverse attività, per una settimana nel nostro Istituto si sono sentite lingue diverse e visti volti nuovi, che hanno fatto respirare a tutti un’aria davvero internazionale.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie