Aperta a palazzo Ponzetti la ventunesima rassegna dei presepi

La 21^ rassegna dei presepi di Lendinara (Rovigo) quest’anno conta 500 realizzazioni distribuite su una superficie di 2.250 metri quadri. Nelle Trenta stanze suddivise su tre piani, in alcuni casi sono visibili veri e propri capolavori della tradizione natalizia italiana.

LENDINARA (Rovigo) – Gli “Amici del presepe” capitanati dall’inossidabile Pasquale Campesan hanno ottenuto dalla famiglia Ponzetti di poter allestire nel palazzo, in via Duca d’Aosta 18, la 21^ rassegna dei presepi che quest’anno conta 500 realizzazioni distribuite su una superficie di 2.250 metri quadri. Nelle Trenta stanze suddivise su tre piani, in alcuni casi sono visibili veri e propri capolavori della tradizione natalizia italiana.

L’esposizione ha aperto i battenti col tradizionale taglio del nastro, al quale sono intervenuti l’assessore Franco Fioravanti, il presidente del Consiglio comunale Nico Pavarin, il presidente della Pro loco di Lendinara Claudio Martello e, per la rituale benedizione, don Alberto Rimbano.

Slide 1
Slide 2
Slide 3
Slide 4
Slide 5
Slide 6
Slide 7
Slide 8

La mostra che resterà aperta al pubblico fino al 31 gennaio 2023, è stata inclusa per la prima volta nella mappa dei presepi di tutta Italia dell’Unpli, l’associazione che ha costruito le Pro loco italiane. Un riconoscimento che fa sperare in sviluppi futuri.

All’allestimento, in gran parte inedito, è come sempre opera del gruppo composto da Matteo Vincenzi, Pasquale Campesan, Fulvio Bonavigo, Massimo Ottoboni, Walter Broccanello e Paolo Toso, volontari che hanno lavorato durante tutto l’anno per offrire questa spettacolare mostra.

Campesan ha espresso la speranza che il pubblico ritorni dopo le restrizioni pandemiche che hanno inevitabilmente limitato l’affluenza riducendola l’anno scorso a soli 4mila visitatori (nel 2019 erano stati 25mila).  

La principale novità di quest’edizione è l’allestimento dell’originale presepe di Mario Agostini di Venezia, che si estende per 25 metri quadri. La sua realizzazione ha richiesto vent’anni di lavoro certosino e sono serviti sei mesi per montarlo a palazzo Ponzetti. Suo è anche il presepe allestito nella riproduzione di villa in stile veneziano, esposto per la prima volta nella soffitta del palazzo. 

Molto suggestivi sono anche il presepe ligure di Matteo Vincenzi, le creazioni di conchiglie di Massimo Ottoboni, il presepe meccanizzato di Fulvio Bonavigo con statuine che si muovono su 100 metri quadri, gli effetti di pioggia e neve. 

La mostra sarà visitabile tutti i giorni fino al 31 gennaio, dalle 15 alle 19. Il biglietto d’ingresso, gratuito fino ai dieci anni, è di 3 euro per i più grandi e comprende un biglietto omaggio per la “lotteria Strada dei presepi” il cui ricavato andrà allo Iov di Padova. 

L’esposizione sarà visitabile anche dopo la fine di gennaio per le comitive, prenotando al 348-5818568. 

Ugo Mariano Brasioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie