Appello al voto di Cittadin: Facciamo vincere Rovigo

Per il centrodestra, che vede la vittoria del Comune di Rovigo dietro l'angolo, l'importante è tornare a votare per il secondo turno di ballottaggio

ROVIGO – Messaggi sonori dalle auto, cartelloni, volantini, l’ultimo miglio di campagna elettorale per la candidata a sindaco del centrodestra con Lega per Salvini Premier, Fratelli d’Italia, Forza Italia e la propria lista civica è tutto incentrato nel portare più gente possibile alle urne. “Il 23 e 24 giugno abbiamo una grande opportunità: trasformare il Comune di Rovigo nella casa di tutti” annuncia Valeria Cittadin, nel suo ultimo appello al voto, che ribadirà venerdì 21 giugno, dalle ore 20.00, in piazza Vittorio Emanuele II, durante la festa di chiusura della sua campagna elettorale.

“Domenica e lunedì prossimi possiamo scegliere di far vincere Rovigo ed eleggere non solo un sindaco, ma 50.000 primi cittadini. Perché ciò accada, serve il contributo di tutti. Torniamo a votare, ricordando ai nostri amici che l’appuntamento elettorale è decisivo£ insiste Valeria Cittadin, rivolgendosi sia ai 12.117 rodigini che le hanno dato la fiducia al primo turno, sia a quanti hanno fatto scelte diverse o si sono astenuti.

“Fra poche ore terminerà una campagna elettorale intensa. Se eletta, sarò il sindaco di tutti. Darò voce a chi non l’ha avuta, deciderò per il bene dei cittadini, non solo di una parte. Perché il mio partito ha il nome della città che amo: Rovigo – spiega Cittadin – Ascolto, partecipazione e unità: queste sono le nostre parole d’ordine per rilanciare la nostra città e le sue frazioni. Residenti, artigiani, commercianti, associazioni sportive e culturali meritano rispetto e attenzione.

Il cambio di passo che possiamo imprimere alla città parte da qui: i problemi non si risolvono dando lezioni, ma camminando insieme ai rodigini verso un obiettivo condiviso. In questa partita il Comune deve trasformarsi e smettere di essere un ostacolo, diventando piuttosto un soggetto facilitatore, per il cittadino, per il professionista, per l’impresa, per i giovani, per le famiglie, per gli anziani – chiarisce – Nessuno ha la bacchetta magica, ma noi assicuriamo che rispetteremo le indicazioni degli elettori.

Lavoreremo per creare legami con le altre città e con tutti i livelli istituzionali, Regione e Governo compresi, per intercettare finanziamenti e creare nuove opportunità. Se sbaglieremo chiederemo scusa, invece di giustificare l’ingiustificabile. Quando dovremo prendere delle decisioni, lo faremo dopo un confronto aperto e leale con i cittadini, che diventeranno finalmente protagonisti dell’amministrazione – conclude – Perché questo accada serve fare insieme un ultimo passo verso le urne. Ed esprimere un voto convinto per il rinnovamento di Rovigo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie