Comunità energetiche rinnovabili, se ne discute con As2 e Cev a Porto Tolle

Senza i 4GW che produceva la centrale a olio combustibile di Polesine Camerini la provincia di Rovigo è in deficit. Il futuro sono le CER

ROVIGO – “Pubblica amministrazione verso la transizione energetica: il futuro del risparmio tra costi fuori controllo e opportunità”: questo il titolo di un convegno organizzato da As2, Consorzio Cev e Comune di Porto Tolle, in calendario venerdì 25 novembre presso la sala consiliare del municipio di Ca’ Tiepolo (VEDI IL PROGRAMMA).

Fitta l’agenda dei lavori che saranno moderati dalla giornalista Eleonora Passarella: ad aprire il convegno, gli interventi di Andrea Tasinato, presidente del Consorzio Cev su “Il ruolo della PA nel processo di realizzazione delle Comunità Energetiche Rinnovabili (CER)”, e di Caterina Furfari, presidente di As2, su “L’identità energetica del Polesine”. A seguire, cinque diversi contributi tecnici con relatori di spessore: inizia Alberto Soldà, direttore del Consorzio CEV, che parlerà de “Il modello CEV per la costituzione delle CER / Le CER nell’esperienza del Consorzio / Dallo studio di fattibilità e costituzione delle CER ai possibili modelli di gestione”, quindi sarà la volta di Nicola Paiusco, manager Siemens, con “Gestione energetica di macchine e impianti, con l’obiettivo di controllo e riduzione dei consumi / Tecnologia EDGE e Computing / Case history”.

La mattinata proseguirà con le relazioni di: Roberto Fazioli, professore di Economia del Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Ferrara, che parlerà de “Le CER: declinazioni di sostenibilità ambientale, sociale ed economico-finanziaria”; Alberto Gerli, Smart City consultant, con “Transizione green: interventi di efficientamento per le PA per rendere le città veramente smart”; Gianluca Loffredo, sub-commissario straordinario della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la ricostruzione sisma 2016, che chiuderà con “Il Bando CER nelle aree del sisma dell’Italia centrale: spunti di riflessione per altre aree del territorio nazionale”. Conclusioni di giornata affidate infine al “padrone di casa”, il sindaco di Porto Tolle Roberto Pizzoli.

Caterina Furfari, Presidente di As2 dichiara: “Il Polesine è storicamente un territorio che da sempre fornisce un importante contributo al fabbisogno energetico nazionale, pensiamo all’ex centrale di Polesine Camerini, ma l’impegno prosegue ancora con il terminal gasiero al largo di Porto Levante. Oggi siamo chiamati a una nuova sfida: l’obiettivo, ambizioso, è infatti quello di rendere i nostri soci, le amministrazioni locali della Provincia di Rovigo, con il supporto di As2, protagonisti di un processo di coinvolgimento che parta dal basso, in un’ottica sinergica con imprese-famiglie, per la realizzazione di impianti da fonti rinnovabili e in primis la Comunità Energetica Rinnovabile. L’energia da fonti rinnovabili avrebbe ricadute virtuose, perché alleggerirebbe la bolletta energetica e perché trattasi di energia ‘pulita’: l’ambizione dei governi di abbattere le elevate emissioni di gas serra si è rivelato un programma ambizioso, con scarsi risultati, perciò occorre sensibilizzare le comunità locali e attivare una nuova cultura di rispetto ambientale, anche attraverso la promozione di eventi e momenti di confronto tra gli amministratori sul tema della ‘transizione energetica’, che si traduce in investimenti sul territorio mirati a trovare il giusto equilibrio tra interesse a produrre energia ‘pulita’, contenimento dei costi energetici (anche a fronte dei pressanti ‘bisogni’ imposti dall’instabilità politica estera – pensiamo al conflitto Russia – Ucraina) e sostenibilità. In questo scenario, As2 si candida a offrire ai propri soci la progettazione di sistemi rinnovabili e delle CER e il necessario supporto tecnico, amministrativo e organizzativo.

Andrea Tasinato

Andrea Tasinato, Presidente del Consorzio Cev, dichiara: “Giorno dopo giorno stiamo portando avanti con successo l’impegno al servizio degli enti e ciò lo dimostra il numero sempre più crescente di realtà della PA che si rivolgono a noi. Abbiamo in agenda numerosissimi soggetti con cui andremo a creare opportunità strategiche per il territorio e per i Comuni traghettandoli verso la transizione energetica con un efficientamento concreto dei costi. Il Consorzio è oggi protagonista con la realizzazione delle prime CER in ambito pubblico ed è alla continua ricerca di soluzioni innovative che aiutino lo switch-off nei confronti del passato verso l’era digitale e le smart city per rendere l’economia della PA socialmente utile e solidale”.

“Porto Tolle – questo il commento del primo cittadino, Roberto Pizzoli – rappresenta l’esempio perfetto di transizione nel vero senso del termine, con l’ex centrale di Polesine Camerini che si avvia a passi spediti a nuova vita dopo l’intervento di recupero turistico. In questo territorio, da sempre al centro delle questioni energetiche polesane, ieri come oggi, può arrivare un forte messaggio rivolto alle PA, chiamate oggi a confrontarsi con la sfida quotidiana dei costi delle bollette che rischiano di mandare in crisi il sistema”.

Ultime notizie