Cultura del costume e della moda, generazioni a confronto al Viola Marchesini

Terminati gli incontri con l’Associazione Ada con Rovigo e gli studenti, si è parlato  dell'evoluzione degli stili e dell’uso dei tessuti 

ROVIGO – Sabato 23 presso istituto superiore Viola Marchesini, grazie al supporto della dirigente Isabella Sgarbi, si è concluso il corso Intergenerazionale di cultura del costume e della moda proposto dall’Associazione Ada con Rovigo.

“Abbiamo condiviso – spiega la presidente Bertilla Gregnanin di Ada con Rovigo – con la classe l’indirizzo moda i percorsi delle attività proposte in sintonia con insegnanti, divertendoci e trovando interesse per i percorsi culturali proposti tra cui l’evoluzione degli stili e uso dei tessuti della moda nel tempo. Il nostro gruppo diversamente giovane è rimasto a stretto contatto con dei bravi studenti e studentesse, per rendere il loro prodotto fatto nel migliore di modi possibile. Sono stati rivisti i valori della convivenza civile, la puntualità l’attenzione alla autorità di chi conduce una procedura, e ne segue l’articolazione laboraroriale: valore indispensabile per un futuro lavoro”. 

Come documentato di recente, dai datori di lavoro in questo campo, dati del terzo settore, si ricercano stilisti, sarti, cucitrici preparate, e la scuola con indirizzo moda  già esiste, per cui usciti con il diploma potranno lavorare in Veneto. 

“Invito i giovani a iscriversi – conclude Bertilla Gregnanin – e a coltivare quest’arte così antica, bella, e con prospettive di buon lavoro regolare”. Il tutto si è concluso con un piccolo conviviale e un dono tagliato e cucito, con le cucitrici nuove, dalle ragazze e i ragazzi della scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie