Dall’Autodromo di Imola ha preso il via la stagione della Rhodigium Triathlon

Inizio di stagione ai campionati italiani Duathlon Sprint, prossimo appuntamento meno formale, ma assolutamente importante: il Tri dei Ovi, sabato 30 marzo

IMOLA – 16 e 17 marzo 2024, autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola: la location è di assoluto prestigio e indiscusso fascino ed è da qui che prende ufficialmente il via la stagione sportiva della rinnovata Rhodigium Triathlon.
La squadra rodigina porta alla partenza del campionato Italiano di Duathlon la propria rappresentanza con due squadre, una maschile e una femminile, oltre a un atleta agli assoluti.

E’ il giovane Federico Sambinello, classe 2001, ad aprire le danze nella giornata di sabato: in una competizione che vede alla partenza molti professionisti e specialisti del duathlon, Federico si è cimentato con soddisfazione, assaporando l’emozione dello start dalla griglia dell’autodromo, e chiudendo in un’ora e 19 minuti.

Slide 1
Slide 2
Slide 3
Slide 4
Slide 5
Slide 6

Domenica invece le due squadre sono partite con rolling start, conducendo la prima frazione di 5 chilometri di corsa nel Parco delle Acque Minerali con compattezza, in modo da inforcare unite la bicicletta prima di cimentarsi nei 4 giri (20 chilometri in totale) nel toboga del circuito, che prevede due salite importanti e altrettante discese adrenaliniche da cui cui i trenini di atleti si infilavano nei curvoni successivi a oltre 60 chilometri orari. Un impegno psicofisico notevole in cui alternare doti di guida a forza muscolare.
Una volta deposte le bici, i tre atleti più veloci nella corsa dei quattro componenti entrambe le squadre hanno sciolto le briglie per spuntare il tempo migliore, cercando di massimizzare la strategia di gara.

I sorrisi sotto l’arco del traguardo hanno certificato la soddisfazione di tutti: Ilaria Fioravanti, Manuela Magon, Silvia Pioli e Alessandra Varolo le componenti della squadra femminile, che ha chiuso con il crono di 1:18:06, diciannovesime assolute.
Matteo Bazzan, Paolo Cavazzana, Gabriele Cappellozza e Luigi Fini gli alfieri che hanno difeso i colori sociali con un crono di 1:09:08, settantaseiesimi. 

Prossimo appuntamento meno formale, ma assolutamente importante: il Tri dei Ovi, sabato 30 presso la Piscina di Sant’Urbano, un allenamento collettivo in cui chiunque potrà provare a far triathlon in compagnia della squadra e poi fermarsi per conoscersi e farsi gli auguri di Pasqua nell’immancabile terzo tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie