Dopo lo sgambetto al sindaco Gaffeo il Pd continua a perdere pezzi

Il timore di continuare a perdere consenso rischiando "l'inarrestabile irrilevanza del Partito democratico polesano". I circoli chiedono un faccia a faccia urgente con il segretario Angelo Zanellato

ROVIGO – Una operazione sconsiderata a detta di molti, che hanno riconsegnato con sdegno la tessera di partito (LEGGI ARTICOLO) dall’uscita dalla maggioranza del Pd di Rovigo all’imbarazzo dei maxiposter che tratteggiano il sindaco del capoluogo di Rovigo come un traditore (LEGGI ARTICOLO), che continua ad avere conseguentze negative all’interno del Partito democratico (LEGGI ARTICOLO).

“Il Coordinamento dei Circoli Pd della Sinistra Po, Alto Polesine, esprime fortissima preoccupazione per la situazione venutasi a creare a Rovigo dopo le dimissioni del Sindaco Edoardo Gaffeo, causate dall’uscita dalla maggioranza dei consiglieri del Partito democratico.

Una decisione che ha  creato smarrimento fra gli iscritti e sta distruggendo l’immagine e la credibilità del Partito Democratico a livello provinciale con conseguenze devastanti sui circoli del territorio (consegna della tessera e rifiuto di rinnovo).

Pertanto ha chiesto un incontro con il segretario del Pd Provinciale per chiarire quali motivazioni sono alla base di quanto successo e discutere insieme quali iniziative possiamo intraprendere per evitare l’inarrestabile irrilevanza del Pd polesano“. 

Oltre al caos in città a Rovigo con la presa di distanza da parte delle assessore Pd (LEGGI ARTICOLO) il disagio ed il risentimento per l’azione sconsiderata è stata espressa dal circolo Pd di Stienta (LEGGI ARTICOLO), dai circoli del Medio Polesine e dal gruppo provinciale Generazioni Pd (LEGGI ARTICOLO).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie