Frigato: Nessuna strumentalizzazione sulla sicurezza a Rovigo

Il candidato sindaco della lista Rovigo Si Ama invita a non ingigantire fatti di cronaca e presenta soluzioni utili per il capoluogo: illuminazione, videosorveglianza, maggiore coinvolgimento della Polizia locale

ROVIGO – Il candidato sindaco Federico Frigato per la lista civica Rovigo Si Ama, dopo l’annuncio della collega candidata della “Tolleranza Zero” (LEGGI ARTICOLO) fa riferimento ad una presunta violenta rissa tra stranieri avvenuta nella serata di sabato 18 maggio in stazione ferroviaria, dove nessuno si è fatto male, unita al furto di bici dal deposito.

“Quanto accaduto non deve essere strumentalizzato o ingigantito in maniera allarmistica, ma può ben essere uno spunto per una riflessione sulla sicurezza in quella zona e, allargando la prospettiva, in città”.

“Al di là dei furti di bici, ricordiamo i furti e i danneggiamenti alle auto dei pendolari, ma anche i recenti controlli della Finanza che hanno individuato fenomeni di spaccio in zona. Anche la polizia locale, assieme alla questura, nei mesi scorsi aveva bloccato uno spacciatore. Inoltre, tutto questo si accompagna al degrado segnalato ai giardini Marconi”.

“Va detto – prosegue il candidato sindaco di Rovigo Si Ama – che già l’arrivo del comando della polizia locale all’ex Cur di viale Marconi ha migliorato la situazione. Si può fare, però, di più. Sfruttando, in particolare, proprio il nostro corpo di polizia locale, formato da tanti ragazzi e ragazze freschi di assunzioni, entusiasti, pieni di voglia di fare. Una voglia che non va frenata da burocrazia e costanti limiti imposti agli straordinari, ma incanalata in maniera positiva, a maggior ragione ora che il terzo turno, ossia quello serale, è una realtà”.

“Allargando il discorso alla città – prosegue Frigato – pensiamo ci siano tante forme di sicurezza partecipata che possono essere promosse e sfruttate, grazie alla crescente consapevolezza, tra la popolazione, di quanto segnalare tempestivamente situazioni sospette possa aiutare le forze dell’ordine. Pensiamo al controllo di vicinato, prezioso se attuato nella maniera corretta, ma anche all’importanza di campagne informative assieme alle forze dell’ordine, che in tanti Comuni vengono condotte costantemente”.

“Infine – chiude il candidato sindaco della lista civica Rovigo Si Ama – senza interferire col lavoro delle forze dell’ordine, anche il Comune può fare tanto per la sicurezza. In primo luogo garantendo una illuminazione pubblica efficace, diffusa e senza, è proprio il caso di dirlo, zone d’ombra. Poi, con una videosorveglianza estesa, capillare e con dispositivi efficienti, andando a individuare i punti non coperti, rimediando tempestivamente. Ma anche tramite una opera di controllo del territorio, affidata alla nostra polizia locale, che possa segnalare situazioni equivoche o meritevoli di attenzione. Un esempio per tutti: negozi ed esercizi commerciali che, dopo l’orario di chiusura, diventano veri e propri bivacchi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie