La prima edizione di Libri in abbazia è stata lusinghiera 

La rassegna promossa dalla biblioteca civica di Badia Polesine (Rovigo) ha avuto un successo incoraggiate 

BADIA POLESINE (Rovigo) – La prima edizione di “Libri in abbazia”, ​​la rassegna promossa dalla biblioteca civica che si è svolta nella suggestiva cornice della millenaria abbazia, ha avuto un successo incoraggiate, tale da prevedere la sicura seconda edizione l’anno prossimo.

Il festival letterario polesano partorito dal nuovo comitato di gestione della biblioteca civica, pensato come una fiera del libro e dell’editoria ha visto la presenza di oltre 30 partecipanti tra case editrici, associazioni e autori con banchetti espositivi distribuiti fra l’entrata ed il chiostro, mentre nella sala Soffiantini gli autori a turno presentavano le loro opere. 

La prima edizione è stata aperta dal sindaco Giovanni Rossi, che ha elogiato gli organizzatori ed i collaboratori volontari del Comitato di gestione della biblioteca. La giornata va dunque in archivio con un sostanziale successo che premia il grande lavoro organizzativo posto in essere. È mancato forse un po’ di pubblico rispetto alle attese, ma la giornata decisamente calda ha sicuramente portato fuori Badia più di qualche possibile visitatore.

Complessivamente soddisfatte l’assessore Valeria Targa e la presidente del comitato Daniela Barboni, che già pensano alla prossima edizione.

Slide 1
Slide 2
Slide 3
Slide 4
Slide 5
Slide 6
Slide 7
Slide 8
Slide 9
Slide 10
Slide 11

Il programma ha vissuto, sia la mattina che il pomeriggio, un calendario fitto di appuntamenti ed incontri con Paolo Aguzzoni, che ha raccontato la Vangadizza, come solo lui sa fare. Poi si sono succeduti gli autori Luca Grandi, Beatrice Di Meo, Annalisa Penacchini, Giada Rossin, Enzo Bellettato, Michela Mosca e Cristina Guasti. 

Particolarmente struggente la presentazione pomeridiana del libro “La prigione con le finestre di casa”, in cui l’autrice parla del proprio calvario ma nella luce della fede.

Nella stessa giornata è stata aperta la mostra “Un racconto fotografico. Il Polesine”, una rassegna di 80 immagini che raccontano 30 comuni polesani, a cura del Gruppo fotografico 38. L’esposizione sarà visitabile nella cappella della Vangadizza fino al 20 maggio con i seguenti orari: lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle 17 alle 19 e il sabato dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19. 

Nella giornata è stato possibile visitare gli spazi dell’abbazia e della nuova biblioteca nei locali dell’ex monastero, col servizio bibliotecario rimasto eccezionalmente attivo anche nel pomeriggio. 

Ugo Mariano Brasioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie