Maltempo del 22 novembre, censimento dei danni, documenti entro l’11 dicembre 

Il Comune di Porto Tolle (Rovigo) ha avviato la raccolta della documentazione tecnica, ecco tutte le istruzioni per cittadini e imprese 

PORTO TOLLE (Rovigo) – A seguito delle avversità atmosferiche verificatesi nella giornata di martedì 22 novembre 2022 nei territori della Provincia di Rovigo e del litorale della Città Metropolitana di Venezia, è stato dichiarato lo “stato di crisi” ed è stato dato avvio al censimento dei danni al patrimonio pubblico, privato ed alle attività economiche e produttive. 

Al fine di predisporre e di trasmettere celermente al Presidente del Consiglio dei Ministri la relazione tecnica a supporto della richiesta del riconoscimento dello stato di emergenza nazionale, il Comune di Porto Tolle ha avviato la raccolta della documentazione tecnica. 

Sul sito istituzionale e sui canali social del Comune (oltre che presso l’ufficio tecnico incaricato) è possibile reperire i moduli da compilare per indicare i danni subiti sia al patrimonio privato sia alle attività economiche e produttive, e le eventuali necessità di assistenza da essi derivanti per il ripristino e lo sgombero, nonché delle principali situazioni di rischio residuo. 

I moduli debitamente compilati andranno inviati a mezzo PEC entro il termine inderogabile delle 23:59 del 11 dicembre. 

Nello specifico: i privati devono compilare la scheda B “Ricognizione del fabbisogno per il ripristino del patrimonio edilizio privato”, mentre le attività produttive devono compilare la scheda C “Ricognizione dei danni subiti dalle attività economiche e produttive”. 

Per quanto riguarda i danni al comparto agricolo provocati da avversità atmosferiche eccezionali, assimilabili alle calamità naturali non vanno indicati nella Scheda C e nella Scheda B, in quanto per essi si applica una disciplina distinta che esula dalla protezione civile e attiene, invece, all’Avepa, al Settore Supporto alle Imprese – Direzione Agroalimentare della Regione del Veneto e al Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali. 

“Nel corso dei quella giornata siamo stati con il fiato sospeso, – afferma il Sindaco Roberto Pizzoli – memori del novembre del 2019, abbiamo temuto molto per i danni che avrebbe potuto provocare il maltempo. Ci siamo immediatamente attivati per convocare il COC e richiedere lo stato di crisi. L’intervento di Polizia Locale e Protezione Civile è stato come sempre tempestivo e ringrazio anche Aipo e l’Ing. Alberani che in pochi giorni hanno ripristinato la porzione di argine franata tra la Sacca di Scardovari e Santa Giulia, ossia la zona maggiormente colpita dalla mareggiata. In un periodo in cui la fragilità dei territori e la messa in sicurezza sono tristi temi di attualità, per quanto è successo ad Ischia, ci mettiamo a totale disposizione di chi abbia 

subito dei danni che oltre dal punto di vista economico possano pregiudicare la sicurezza di strutture o immobili”. 

Per qualsiasi chiarimento è possibile contattare l’Ufficio Tecnico/Patrimonio del Comune di Porto Tolle al n. 0426-394445 dal Lunedì al Venerdì, dalle 08:00 alle 13:00 

Ultime notizie