Muzzupappa: Esempio Possamai, ringiovaniamo l’amministrazione

La candidata consigliera del Pd ha invitato a Rovigo il sindaco di Vicenza Giacomo Possamai: una Rovigo di tutti è una Rovigo più vivace

ROVIGO – “In questo finale di campagna elettorale voglio solo augurarmi che sia garantita, nel prossimo Consiglio Comunale e più in generale in tutte le formazioni politiche della città, una adeguata rappresentanza anche per i cittadini più giovani”. Lo afferma Silvia Muzzupappa, candidata consigliera comunale del Partito Democratico a pochi giorni dall’apertura delle urne per la scelta del futuro primo cittadino e per il rinnovo del consiglio comunale.

“Anche se non posso più definirmi una giovanissima, chi è nato negli anni ’90 continua a restare ai margini della vita amministrativa di Rovigo – spiega – Questo è un problema su vari livelli: intere generazioni non trovano spazio nella politica locale e si disinteressa della cosa pubblica, talvolta semplicemente non partecipando, altre volte scegliendo di trasferirsi in altre città, soprattutto quelle che offrono opportunità e spazi di vita migliori”.

Per Muzzupappa invertire la tendenza è possibile. “Il Partito Democratico ha dimostrato che anche i Millenials possono portare avanti progetti ambiziosi e importanti – sottolinea – È per questo motivo che ho voluto invitare il sindaco di Vicenza, Giacomo Possamai, qui con noi. Le sue parole dimostrano quanto sia importante credere e puntare in progetti nuovi. A Rovigo diverse liste hanno schierato persone giovani e spero, al di là delle idee diverse, che possano trovare la giusta fiducia da parte della città. Lo ha fatto anche il Pd, che già da tempo lavora, anche a livello nazionale, per abbassare l’età media della propria classe dirigente in modo intelligente, senza creare scontri generazionali e disperdere preziosa esperienza”.

L’augurio della candidata consigliera è quindi di una rappresentanza ben equilibrata. “Rovigo invecchia e deve rispondere alle esigenze dei nostri anziani – conclude – Ma per farlo deve prima ringiovanirsi. Credo sia difficile sperare di farlo senza il contributo di tutte le fasce d’età. Promuovere una maggiore partecipazione da parte di tutti, rimuovendo barriere, pregiudizi e discriminazioni, è e resterà uno degli obiettivi a me più cari. Spero che siano in tanti a lavorare in questa direzione: una Rovigo di tutti è una Rovigo più vivace“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie