Mensa scolastica, i genitori si lamentano, parte la verifica

Servizio mensa scadente alla scuola Papa Giovanni XXIII, Rizzato chiede l'intervento dell'amministrazione comunale di Rovigo

ROVIGO – I problemi del servizio mensa della scuola primaria Papa Giovanni XXIII all’attenzione del consiglio comunale, grazie all’interrogazione presentata dal consigliere Lorenzo Rizzato, che più volte nel corso dell’attuale consiliatura è stato portavoce delle istanze di genitori e studenti, di diversi istituti, per trovare delle soluzioni ai problemi che quotidianamente emergono in ambito scolastico.

Anche nel caso della Papa Giovanni XXIII, la segnalazione della scarsa qualità del servizio mensa è arrivata da alcuni genitori, come evidenziato in aula da Rizzato: “La questione che mi è stata sollevata da alcuni genitori – ha spiegato il consigliere rivolgendosi alla giunta comunale e, in particolare, all’assessore all’Istruzione Benedetta Bagatin – riguarda in particolare un peggioramento, in termini di quantità e qualità, del cibo destinato ai bambini e ai docenti che frequentano il plesso”. 

La richiesta di Rizzato ha l’obiettivo di far luce sul funzionamento del servizio e, allo stesso tempo, di sollecitare un intervento da parte dell’amministrazione per riportarne la qualità a livelli accettabili: “Vorrei sapere – ha chiesto il consigliere – se in questi ultimi anni c’è stata una variazione del contratto in essere con la ditta che gestisce e offre questo servizio al plesso scolastico che, come sappiamo, è di competenza non dell’istituto scolastico ma del Comune”. Rizzato ha anche sottolineato in maniera esplicita come la risoluzione del problema da parte dell’amministrazione debba, a suo avviso, avvenire “ponendo la massima attenzione al valore nutrizionale che ogni bambino deve assumere durante i pasti, perché rappresenta un fattore di crescita fondamentale. L’amministrazione comunale deve assolutamente tenere sotto controllo e verifica costante queste tipologie di servizi perchè sono destinati ad una fascia fragile della popolazione cittadina, che tra l’altro costituisce il futuro della nostra comunità”.

La sollecitazione di Rizzato ha ricevuto la risposta, in consiglio comunale, dell’assessore Bagatin che ha preso in carico la questione per trovare una soluzione ed effettuare le dovute verifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie