Palmiro Tosini (Pd) incontra la comunità di Fenil del Turco

Il candidato sindaco raccoglie le richieste dei cittadini: una piazza, maggiore sicurezza stradale, trasporto pubblico, ampliamento del cimitero

ROVIGO – Da un lato un foglietto che gira di mano in mano e di amministrazione in amministrazione da circa 20 anni, con le richieste della comunità di Fenil del Turco, senza che nessuna sia mai stata esaudita, e non per mancanza di risorse. Dall’altro, una comunità con un fortissimo senso di identità, salde radici e un antico e pronunciato orgoglio “di campanile”, che vorrebbe il proprio paese valorizzato come merita: basti pensare che le maestre della locale materna, per sopperire alla cronica mancanza di risorse per acquistare il materiale didattico, vendono lavoretti da loro stesse prodotte.

E’ il ritratto di Fenil del Turco, delle sue esigenze e delle mancate risposte che ha ricevuto negli anni emerso nell’incontro col candidato sindaco Palmiro Franco Tosini, sostenuto da Pd e dalla omonima lista civica. Ad accompagnarlo, Nadia Romeo, esponente Pd, componente dell’assemblea nazionale, Diego Crivellari, ex parlamentare Pd, oltre ad Oscar Tosini, già sindaco di Bosaro, candidato consigliere con la civica. Un gruppo con una forte esperienza amministrativa, sia nel capoluogo che in realtà di paese.

Da parte dei residenti, richieste comprensibili, giustificate, quasi necessarie: una maggiore tutela della sicurezza stradale, vista la velocità con la quale i veicoli affrontano spesso via Baracca, ma non solo, con la realizzazione di marciapiedi sicuri, illuminazione, dossi rallentatori; ma anche una manutenzione delle strade e degli asfalti; così come il riposizionamento, o il posizionamento ex novo, ove necessario, delle pensiline per il bus, unito a un ripensamento del servizio, in termini di corse e orari, che possa venire incontro alle esigenze dei residenti, che spesso si affidano ai mezzi pubblici.

Richieste che, come confermato dal candidato Tosini e dalla sua squadra, possono tranquillamente essere accolte, con costi moderati, a patto che vi sia quella volontà politica di valorizzare le frazioni che a oggi è, evidentemente, mancata.

Un discorso diverso per quelli che sono i due “sogni nel cassetto” della frazione, vale a dire la realizzazione di una piazza, per la quale esiste un progetto da anni, e l’ampliamento del cimitero. “Mentirei e vi prenderei in giro – ha spiegato Tosini alla numerosa platea – se vi dicessi ‘appena insediati, lo faremo’. Servono risorse importanti e studi di fattibilità. Quello che posso dire è che, se per voi sono punti fondamentali, ce ne occuperemo immediatamente, per capire se e come sia possibile procedere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie