Partito Democratico Adria: “La giunta civica ha respinto ogni nostra proposta sulla tari”

Diverse proposte del partito di centrosinistra riguardanti la agevolazioni Tari per le utenze non domestiche (Rovigo)

ADRIA – Sono state solo 59 su circa 970 le utenze non domestiche che hanno presentato
domanda per ottenere sgravi sulla tassa rifiuti del 2021 nel comune di Adria.

La giunta comunale ha stabilito che aveva diritto al 30 % di sconto chi era stato obbligato a chiudere l’attività durante la pandemia, al 20 % di scomputo chi ha subito una restrizione nell’orario, al 20% di riduzione chi riusciva a dimostrare una diminuzione del reddito di almeno il 30% rispetto all’anno precedente.

Visto che il Governo ha messo a disposizione per la copertura Tari circa 189mila euro, la Giunta ha deciso di coprire per intero la spesa per la tassa a queste 59 aziende e, nonostante ciò, sono avanzati oltre 110 mila euro.

Nel frattempo il Governo Draghi con proprio decreto ha stabilito che:
– i 110 mila euro avanzati dovranno essere utilizzati per lo sgravio Tari anche per il 2022 e per gli anni precedenti;
– può presentare domanda anche chi non l’ha fatto nel 2021;
– può presentare richiesta di rimborso anche chi non è in regola con i pagamenti degli anni precedenti.

Alla luce di queste nuove norme nazionali il Partito Democratico di Adria ha proposto:
– che ovviamente sia ammesso a fare domanda chi non l’ha fatto per il 2021 anche se non in regola con i pagamenti, come previsto da norma di legge;

– che per questa categoria di utenze siano ripristinati i criteri già in vigore per 2021 e questo perché, nel frattempo, la Giunta Civica ha tolto dai criteri utilizzati per aver diritto allo sgravio, vale a dire quelli relativi
all’obbligo di chiusura e alla restrizione di orario;

– che, come lo scorso anno, qualora restassero somme residue, queste vadano ripartite, in via prioritaria, tra quelle attività che nel 2021 non hanno avuto niente pur essendo portatori di diritto.

I civici hanno respinto queste nostre proposte; hanno voluto andare avanti con i loro criteri anche se questo si ripercuoterà ancora, ancora una volta, negativamente sulle attività in maggiore difficoltà.

Ultime notizie