Passerini e la sua squadra hanno incontrato la cittadinanza

Dalla casetta dell’acqua al trasporto Bressane-Castelguglielmo, come migliorare la vita dei cittadini in 15 punti. Il candidato punta alla riconferma

CASTELGUGLIELMO (Rovigo)  – “Se vorrete darmi nuovamente fiducia, sapete già che mi troverete sempre negli uffici comunali, a disposizione di chiunque viene a trovarmi, come già ho fatto in questi ultimi 5 anni, pandemia compresa. Salvo le riunioni istituzionali, per il resto ci sono sempre, perché ci tengo ad interessarmi di tutta l’attività amministrativa e mi metto a disposizione del Comune, con l’umiltà di imparare tutti i giorni”. 

Non ha la fama del simpaticone buono per tutte le stagioni, il sindaco uscente e ricandidato con la nuova formazione “Uniti per Castelguglielmo”, Maurizio Passerini, ma ha la concretezza e l’umanità di un medico in pensione, abituato a trovare la cura per il paziente malato. Con lo stesso stile si è presentato ai concittadini, insieme al candidato vice sindaco Damiano Giacometti ed ai nove candidati consiglieri: Flavio Dall’Aglio, Giovanni Fregnan, Gigliola Ganzerla, Annetta Manzoli, Linda Pareschi, Maikol Pelà, Paola Prearo, Claudio Rasente, Mattia Zocca.

In una serie di incontri sul territorio, Passerini e la sua squadra, hanno spiegato e commentato il programma elettorale del prossimo quinquennato. Tutti i candidati, a turno, hanno preso la parola davanti ai concittadini, a significare che tutti hanno egualmente contribuito al programma e che “Uniti per Castelguglielmo” non è una lista personalistica, ma un vero gruppo collaborativo

Sono 15 i settori d’intervento del programma, “semplici, concreti e realizzabili”: alcuni progetti sono già in cantiere, bloccati solo dal fermo elettorale. Fra questi, il rinnovo ed efficientamento di tutto il sistema di illuminazione pubblica con punti luce a led, realizzabile entro fine 2024; e la riasfaltatura delle strade di collegamento, ancora non realizzate, tra il centro e la frazione di Bressane, sia sul lato destro che sinistro del Canalbianco: questo fa parte del piano generale del miglioramento della viabilità comunale, di cui la prima amministrazione Passerini ha già portato a termine l’asfaltatura di un terzo delle strade, oltre che aver messo in sicurezza il traffico attorno alla scuola e dotato piazze, vie e ponti di nuovi arredi urbani. Completerà il quadro un sistema di videosorveglianza a lettura delle targhe dei veicoli, che coprirà ingressi e uscite dal territorio comunale, garantendo sicurezza alla cittadinanza, sostegno alle forze dell’ordine, ma anche punibilità ai furbetti dell’abbandono dei rifiuti.

Ma all’attenzione della prossima amministrazione Passerini, ci sono anche economia e lavoro, scuola e cultura, attività sportive, ambiente ed agricoltura, disabilità ed inclusione, salute e servizi agli anziani, rapporti con le associazioni e la parrocchia. “Tante piccole grandi azioni amministrative destinate al benessere dei concittadini, che cambieranno il biglietto da visita del Comune: l’istallazione di una casetta erogatrice d’acqua, che consentirà risparmio ed abbattimento delle bottiglie in plastica; l’istituzione di uno “sportello Giustizia” cui le persone potranno rivolgersi gratuitamente per una consulenza legale qualificata; la realizzazione di un campo da padel, che completa la riqualificazione del campo sportivo, ormai passato da terreno trascurato d’erbacce a luogo gradevole di incontro, dotato di sevizio bar; il parco giochi sarà implementato con arredi ecologici ed una attraente teleferica”. 

Attenzione e cura anche per la frazione di Bressane, da cui provengono ben tre candidati (Fregnan, Ganzerla e Pelà), per la quale è prevista l’attivazione di un servizio di trasporto settimanale verso il capoluogo e ritorno, per gli anziani e tutti coloro che ne avessero necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie