Psi di Rovigo: E’ l’ora delle scuse per Bettino Craxi

Per i Socialisti è giunto il momento di mettere fine, finalmente, alla persecuzione che ha scelto solo lui come capro espiatorio di un sistema politico che riguardava tutti

ROVIGO – Il 19 gennaio del 2000 morì, in esilio, ad Hammamet in Tunisia, Bettino Craxi. Alla famiglia, che rifiutò i funerali di Stato proposti dal Governo D’Alema, pervennero messaggi di cordoglio e di onori al defunto dagli Stati Uniti di Clinton fino alla Cina di Zemin, oltre che dal Papa e da tutti gli altri stati, compresa la Palestina. Particolari saluti, oltre che la presenza ai funerali, vennero formulati dal Presidente della Repubblica emerito Francesco Cossiga. Giulio Andreotti definì addirittura “squallido” il comportamento delle autorità italiane nei confronti di Craxi.

“Tutto questo solo per fare un po’ di storia internazionale nei confronti di uno dei più importanti uomini di Stato che abbia avuto l’Italia – afferma la Federazione di Rovigo del Partito socialista italiano – Il protagonista negli anni 0ttanta del secolo scorso del rilancio economico, dell’inflazione ai minimi storici e l’autore di un nuovo protagonismo dell’Italia nel mondo. Seppe tenere la schiena dritta e la testa alta anche con gli Americani a Sigonella. Non certo come hanno fatto gli altri Presidenti del Consiglio. Compreso l’attuale”.

“Craxi è riuscito a caratterizzare la sua storia personale con quella collettiva di un’intera nazione. Non solo, ma anche con le lotte di liberazione di molti popoli fino ad allora oppressi da regimi dittatoriali – continua il Psi di Rovigo – Ora anche Forlani ha avuto i funerali di stato e le giornate di lutto. Riterremo giunto, quindi, anche il momento di far rientrare dal “doloroso esilio” anche il grande statista italiano del quale finalmente è stata capita la grandezza e l’autorevolezza internazionale. Tutti ricordano il grande intervento da lui svolto il 3 luglio del 1992 alla Camera al quale nessuno dei presenti rispose con altrettanto coraggio ed onestà politica ammettendo che tutti i partiti si finanziavano in modo irregolare ed illegittimo. Compreso quel PCI che riceveva finanziamenti addirittura da uno stato nemico della Nato. E’ proprio a questo punto che sarebbe doveroso considerare gesto riparatore (?) pensare, famiglia permettendo, al rientro in Italia con i dovuti riconoscimenti. Mettere fine, finalmente, alla persecuzione che ha scelto solo lui come capro espiatorio di un sistema politico che riguardava tutti e che, ancora oggi, non ha avuto il coraggio di fare le dovute ammissioni e riparare al grave danno provocato alle persone ed al Paese”.

“E’ ormai proprio l’ora delle scuse e dei doverosi riconoscimenti” conclude la Federazione di Rovigo del Psi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie