Riaprire la sede del tribunale di Adria sarebbe possibile

Interrogazione a risposta scritta del consigliere comunale Pd Giorgio Zanellato in linea con l'analisi fatta dall'avvocato adriese Luigi Migliorini

ADRIA (Rovigo) – Il consigliere comunale del Partito Democratico di Adria Giorgio Zanellato ha presentato all’attenzione del consiglio comunale una interrogazione urgente con richiesta di risposta scritta relativa alla “Possibilità di ottenere la riapertura della Sezione distaccata di Adria del Tribunale”.

Zanellato riprende la posizione assunta dall’avvocato Luigi Migliorini che ritiene possibile “ottenere la riapertura della sezione distaccata di Adria del Tribunale di Rovigo”.

Per Migliorini “L’occasione è data dal disegno di legge n. 710 – in esame al Senato, in Commissione – avente per oggetto ”modifiche al decreto legislativo 7 settembre 2012 n. 155, recante nuova organizzazione dei Tribunali ordinari e degli uffici del Pubblico Ministero”
La riapertura delle sedi distaccate soppresse è prevista “a condizione che le spese di gestione e di manutenzione e di retribuzione del personale di custodia siano integralmente a carico del bilancio della Regione richiedente o degli enti locali, previa intesa con la stessa. Rimangono a carico dello Stato le spese relative alla retribuzione dei Magistrati, del personale amministrativo e di polizia giudiziaria”.

Secondo Zanellato “tutte le Regioni d’Italia hanno inviato al Senato atti di disponibilità per una o più sedi distaccate. Il Consiglio Regionale del Veneto ha indicato solo Bassano, per cui Adria sarebbe la grande esclusa, pur essendo stata ai primi posti nella classifica per procedimenti civili e penali.

Negli anni Novanta le intere Comunità di Adria e del Delta con un’imponente mobilitazione generale seppero ottenere dal Governo di allora la sede del Tribunale contro ogni previsione e contro il parere dello stesso Tribunale di Rovigo e degli stessi Parlamentari locali.
Oggi la situazione potrebbe essere ancor più favorevole in quanto esiste un’omogeneità politica tra il governo locale, regionale e nazionale.
Questa sarebbe un’opportunità davvero importante per tutto il nostro territorio anche per l’indotto economico che ne deriverebbe”.

Zanellato ricorda poi al sindaco Massimo Barbujani che sulla questione ha affermato che si sarebbe attivato ed avrebbe coinvolto il deputato di Forza Italia Piergiorgio Cortelazzo, ma non se ne è saputo più nulla.

Zanellato chiede quindi: “Di promuovere in tempi brevi un incontro con i suoi Colleghi dei Comuni del Basso Polesine per coinvolgerli sulla possibilità di riapertura della sezione distaccata di Adria del Tribunale; di far convocare con la massima sollecitudine una conferenza dei capigruppo per presentare la nuova opportunità che si pone a livello legislativo; di farsi promotore di un incontro con chi ricopre cariche istituzionali regionali, polesane e Parlamentari per sensibilizzarli e chiedere il loro sostegno in questa giusta causa per Adria e per l’intero Delta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie