Rovigo, appello al voto della candidata sindaco Valeria Cittadin

L'invito della candidata sostenuta dalle liste Azione con Calenda, Lega Liga Veneta Rovigo, Giorgia Meloni per Cittadin Sindaco - Fratelli d'Italia, Valeria Cittadin sindaco, Forza Italia - Cittadin Sindaco

In questi anni Rovigo ha perso molte occasioni. L’8 e il 9 giugno può cogliere quella più importante. Per questo invito tutti i nostri concittadini ad andare a votare ed esprimere la loro preferenza, qualunque essa sia.

Il voto è il primo strumento di partecipazione alle scelte sul futuro della nostra città, ma non è il solo. Se sarò eletta, il giorno dopo lo spoglio mi impegnerò per essere il sindaco di tutti, anche di chi non mi avrà votato. Istituirò il servizio “il sindaco Ascolta” e due volte al mese, a turnazione, mi recherò in ciascuna frazione per raccogliere le segnalazioni dei residenti. Chiuderò la stagione delle scelte calate dall’alto e dell’arroganza di chi ritiene degna di parola solo una ristretta cerchia di illuminati. Dopo i fallimenti amministrativi e le occasioni mancate, durante la campagna elettorale sono arrivate nuove lezioni.

Per sentirsi assolto e fregiarsi della qualifica di amministratore esperto, qualcuno ha voluto spiegarci perché non è riuscito a fare le cose. Peccato che a Rovigo non servano giustificazioni, ma fatti e risultati.

La nostra amata città è fanalino di coda in gran parte delle classifiche sulla qualità della vita. Senza servizi efficienti per le famiglie e per gli anziani. Senza un’offerta culturale per i giovani, adeguata alle loro aspettative. Senza impianti e sedi dignitose per sportivi e associazioni. Senza un piano di rilancio del commercio o un’organizzazione efficiente della macchina comunale, che consenta l’erogazione di documenti e pratiche in tempi ragionevoli. Senza parcheggi, senza una stazione delle corriere, senza sicurezza in molte zone della città, senza cura delle frazioni, dove vivono metà dei rodigini, che dovrebbero avere la stessa dignità e la stessa considerazione di chi abita in centro.

Ascolto, unità e partecipazione. Facciamo ripartire Rovigo da qui. Con proposte concrete: un grande parcheggio davanti allo scalo ferroviario, una nuova stazione delle corriere, una rotatoria a Boara, che ha già ricevuto l’ok da parte del Ministero dei trasporti e delle infrastrutture. Più eventi e manifestazioni per i giovani e per rilanciare il commercio, insieme a parcheggi gratis il sabato. Più cura delle frazioni, più manutenzioni e più sicurezza.

Nessuno ha la bacchetta magica e raggiungere tutti gli obiettivi non sarà facile. Anche perché la classe politica della nostra città è divisa, come dimostrano i tre commissariamenti che abbiamo subito. Proprio per questo, a Palazzo Nodari più che il personalismo di chi si crede migliore degli altri, servono capacità di dialogo e mediazione. Qualità che in molti mi riconoscono.

Il confronto elettorale si avvicina e invito i nostri concittadini a prendervi parte, mettendo davanti a tutto ciò a cui siamo più affezionati: Rovigo e il suo destino.

Valeria Cittadin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie