Rovigo si Ama, Borsea merita attenzioni speciali

E' la frazione con il maggior numero di attività commerciali e per Federico Frigato serve un dialogo diretto e costante con l'amministrazione comunale

ROVIGO – “Tantissime persone incontrate e una lunga ‘lista della spesa’ che ci hanno consegnato, con fiducia, sperando che finalmente qualcuno si accorga che Borsea, così come le altre frazioni di Rovigo, esiste ed è meritevole di attenzione e investimenti”. 

E’ il bilancio, lusinghiero e importante, della mattinata passata tra la gente da Federico Frigato, candidato sindaco della lista Rovigo Si Ama, e dalla sua squadra. Secondo il motto “Rovigo Si Ama! E si Muove!”, Frigato e gli altri candidati consiglieri ed esponenti della lista hanno percorso le vie della frazione di Borsea, incontrando le persone e parlando con loro. 

“Abbiamo toccato con mano – prosegue Frigato – come sia esattamente questo ciò che chiedono. Attenzione e un canale di dialogo aperto con il Comune, per potere manifestare esigenze e problemi. Una richiesta legittima, che è anche un punto cruciale del nostro programma. Per le frazioni, infatti, vogliamo in primo luogo istituire un organo di rappresentanza, che possa parlare direttamente col Comune e del quale si possa entrare a far parte dai 16 anni; inoltre, istituiremo un assessore alle frazioni, con capacità di deliberare in autonomia spese e investimenti; inoltre, a rotazione, il sindaco farà ricevimento, una volta a settimana, nelle varie frazioni”. 

“Venendo alle esigenze che i residenti di Borsea ci hanno manifestato – elenca il candidato sindaco della lista Rovigo Si Ama – queste sono lo specchio, evidente, di come per troppo tempo questi paesi, che andrebbero valorizzati, siano stati di fatto ignorati. Tutte le istanze che ci sono state rappresentate sono semplici, concrete, giuste e basilari. I residenti domandano manutenzione di strade e marciapiedi, oltre che del verde e del cimitero dove riposano generazioni e generazioni di cari”. 

“Poi – prosegue l’elenco – l’annoso problema di Villa Gasparetto, che a evidenti problemi estetici e di decoro, associa quelli di sicurezza; sul fronte posteggi, i residenti chiedono la fine della ‘sosta selvaggia’ sulla via principale, con l’apertura del posteggio in zona scuole e una razionalizzazione del sistema parcheggi che possa giovare al commercio del paese”. 

Proprio il commercio è uno dei punti forti di Borsea. La frazione con il maggior numero di attività commerciali, grazie a un nucleo di meritori esercenti che tengono vivo il paese, oltre alle proprie attività, nonostante i praticamente zero investimenti operati dall’amministrazione comunale. “E’ emerso, infatti – prosegue il resoconto della bella mattinata – come in questi anni siano mancati eventi e iniziative in grado di fare da traino al commercio. Questo è gravissimo, dal momento che la figura dell’esercente, assieme ai servizi, è fondamentale per tenere vivi i paesi e le frazioni. Tradizionalmente, Borsea ha fatto dei propri negozi e delle proprie botteghe una eccellenza e un presidio a tutela del territorio, ma questo non deve essere dato per scontato, come ha fatto questa amministrazione, ma valorizzato e sostenuto in ogni modo, per avere un paese vitale”. 

“Il punto cruciale – chiude Frigato – è che Borsea è un paese vivo e attivo, grazie agli sforzi di quanti lo vivono; perché continui ad esserlo, tuttavia, serve anche l’aiuto del Comune. A oggi, infatti, è incredibile come non esista un collegamento ciclabile da Borsea a Rovigo, né tantomeno da Borsea a Pontecchio. Inconcepibile. Allo stesso modo, in una ottica di sicurezza anche dei pedoni, è necessaria una sistemazione degli attraversamenti pedonali, realizzandone di protetti e illuminati, e un migliore collegamento tra i marciapiedi””.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie