Sconfitta sul filo di lana

Sconfitta che brucia per gli Alligators Rovigo sul campo di Buso, i 29ers Alto Livenza hanno recuperato nel finale mettendo la freccia

BUSO (Rovigo) – Dopo una estate tribolata, la stagione degli Alligators Rovigo è iniziata appena ad ottobre a ridosso della partenza del campionato. Nuovo impianto sportivo dove allenarsi e giocare, nuovo sistema di gioco e diversi volti nuovi, il tutto da assimilare in pochissimi allenamenti dato che la stagione 2022-23 del Campionato Nazionale di Football Americano a 7 giocatori del Centro Sportivo Italiano è scattata a inizio novembre.

Infatti sul manto erboso del campo di Buso (Ro) sono arrivati sabato 12 i Cocai TerraFerma, formazione veneziana che già lo scorso anno sembravano i più forti dei gironi nord del campionato. Poi hanno sbagliato la semifinale contro i 29ers Alto Livenza (con cui avevano vinto in girone) e quindi hanno dovuto “accontentarsi” di vincere la finalina per il 3°/4° posto. Quindi vogliono rifarsi in questa stagione e difatti nella prima giornata avevano vinto con un netto 41-28 contro Pordenone e si sono presentati in Polesine con tutta l’intenzione di ripetersi.

Rovigo ha però risposto colpo su colpo agli attacchi degli ospiti, e difatti alla pausa di metà incontro le squadre sono tornate negli spogliatoi sul 12-12. Poi il secondo tempo si è aperto con un nuovo touchdown (trasformato da 2) dei Cocai, ma l’attacco Alligators ha subito risposto e poi ha anche portato in vantaggio i bianco-verdi 26-20 nel quarto quarto!

Così si è arrivati nel finale della partita, quando però Venezia è stata in grado di pareggiare ad appena 3’ alla fine della partita. È stato in quel momento che si è messa in luce la mancanza di sufficienti allenamenti insieme degli “alligatori”, perché con la palla in mano e la possibilità di andare a realizzare la segnatura che avrebbe chiuso la partita i polesani hanno affrettato troppo le cose e perso l’ovale che non erano nemmeno a metà campo. Questo ha significato riconsegnare le chiavi della partita ai Cocai, e pure in una posizione favorevole.

Venezia non poteva chiedere di meglio e così è tornata in vantaggio a 1’05” dalla fine, e a nulla sono valse le ultime disperate azioni di Rovigo per pareggiare.

Un peccato, ma comunque un ottimo avvio di stagione perché, nonostante le difficoltà, gli Alligators hanno dimostrato di poter tenere il campo anche con quelli che paiono al momento (ma dopo due giornate è ancora troppo presto per esserne certi) come i più forti.
Ma non c’è tempo per pensarci, perché domenica si tornerà subito in campo a Firenze, contro i neonati Lupi Siena.

Ultime notizie