Social-Time: parlare di Pace con la comunità di Sant’Egidio

Diverse classi dell'IIS “Primo Levi” di Badia Polesine  (Rovigo) hanno partecipato  ad un incontro con Marco Oggianu e Moira Ceci 

BADIA POLESINE (Rovigo) – Nella mattina di giovedì 8 febbraio, diverse classi dell’IIS “Primo Levi” di Badia Polesine hanno partecipato presso l’aula magna della sede “E. Balzan” ad un incontro con Marco Oggianu e Moira Ceci, della Comunità di Sant’Egidio di Rovigo. 

Proprio il giorno precedente la comunità ha compiuto 56 anni, essendo nata nel ’68 a Roma quando un gruppo di liceali, tra cui Andrea Riccardi decisero di voler prendere parte alla rivoluzione socioculturale di quel periodo. 

“Un giorno – ha raccontato Oggianu – girovagando per le periferie di Roma si imbatterono in una baraccopoli abitata da famiglie provenienti dal sud Italia trasferitesi lì per lavoro; i bambini di queste famiglie non avevano l’opportunità di andare a scuola, così quel gruppo di liceali il pomeriggio ritornò da loro per offrire un doposcuola popolare e poter insegnare loro ciò che non avevano la possibilità di imparare altrimenti.” 

La Comunità di Sant’Egidio è nata così e negli anni è cresciuta diventando la comunità operativa che è oggi. “La nostra scuola collabora attivamente con questa Comunità – racconta Sofia, una studentessa – infatti nel periodo di dicembre è stata promossa una raccolta di beni che la Comunità ha utilizzato per il rituale pranzo di Natale, che organizza ogni anni offrendo a molti bisognosi un piatto caldo e un momento conviviale gioioso”. 

Durante l’incontro gli studenti hanno visto un docu-film, con le azioni della Comunità dello scorso anno, che si è rivelato molto interessante, perché ha dato la possibilità di sentire testimonianze di giovani donne scappate per salvare i figli dalla guerra in Ucraina, che ora abitano a Rovigo e che hanno raccontato tutto ciò che è “costato”, non solo in termini materiali, loro venire fino a qui per crearsi una nuova vita. Al termine dell’incontro gli ospiti Marco e Moira hanno dato qualche spunto per pensare a cosa sia la Pace e cosa si dovrebbe effettivamente fare per poterla raggiungere. 

“Qualche studente ha espresso la sua opinione e su queste si è iniziato a parlare – continua Sofia – poiché è la voce dei giovani quella che porterà avanti il futuro del mondo ed è giusto che possano aprirsi per capire meglio il mondo e cambiarlo in meglio. Da studentessa sono rimasta molto soddisfatta dell’incontro perché mi ha permesso di entrare in contatto con un’associazione che opera per la Pace e con essa per il futuro mio e di tutti gli altri giovani, insegnandoci che qualsiasi progetto di fratellanza è possibile, operando collettivamente.”

“Parlare di pace oggi più che mai diventa importante per i nostri studenti – commenta il Dirigente Scolastico Amos Golinelli – sia perché sembra non si voglia trovare le strategie per portarla nel mondo, sia perché è in pericolo la loro fiducia in un futuro migliore. Dobbiamo incoraggiarli a credere che il cambiamento si muoverà anche attraverso alle loro azioni concrete e, incontri come questi, ci aiutano nella nostra azione educativa.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie