Studenti arcieri al liceo Bocchi-Galilei di Adria

Vista l'emergenza dovuta al Covid-19 il liceo di Adria (Rovigo) ha voluto avviare il progetto "a scuola di sport" con l'avviamento al tiro con l'arco

ADRIA – Durante quest’anno scolastico, l’Istituito di Istruzione Superiore Liceo Bocchi-Galilei di Adria, dopo una pausa di due anni causa emergenza Covid, consapevole dell’ enorme bisogno che i ragazzi avevano di muoversi e ritrovare una normalità “dimenticata”, ha valutato e deciso di far svolgere agli studenti alcune attività motorie e sportive che fossero adeguate alla normativa in vigore.

Slide 1
Slide 2

Si è pensato quindi di attivare alcune lezioni di “avviamento” allo sport del Tiro con l’ arco Olimpico. L’attività di tiro con l’arco era compatibile con il regolamento: si raccomandava di non creare assembramenti, promiscuità e passaggi di mano di attrezzi o strumenti sportivi tra studenti.

Ogni studente, indossando la mascherina, utilizzava il proprio arco, le proprie frecce e la propria postazione di tiro distanziata dagli altri partecipanti. I ragazzi hanno potuto così imparare i primissimi fondamentali tecnici (tendere un arco, linea di mira, occhio dominante, rilascio ecc ) e le norme importanti per il tiro in sicurezza.

Il progetto è stato rivolto solo alle classi prime e seconde (18 classi) e si sono organizzate per tutti gli studenti due lezioni di due ore per ciascuna classe prima e seconda per fare conoscere e apprendere i fondamentali base del tiro con l’arco, guidati dagli insegnanti di Scienze Motorie proff. Moreno Dentello e Domenico De Stefani. Durante la prima lezione gli alunni hanno appreso le basi della disciplina, mentre nel corso della seconda lezione hanno dato vita ad un torneo di classe dove i due migliori arcieri classificati hanno ottenuto il pass per la finalissima del trofeo Robin Hood.

Tutto ciò è stato possibile grazie alla preziosissima collaborazione della 45° Parallelo A.S.D. di Adria, nelle vesti della Presidente Ramona Pregnolato, che ha messo a disposizione in forma gratuita tutta l’attrezzatura necessaria (archi-scuola, frecce, paglioni, cavalletti, protezioni, ecc). Con grande entusiasmo, 150 tra alunni e alunne hanno seguito con dedizione prima le accurate spiegazioni dei loro insegnanti per apprendere tutti i segreti della nobile disciplina sportiva e poi hanno dato vita ad una agonistica battaglia con arco e frecce.

Le finalissime del Trofeo in oggetto si sono svolte rispettivamente giovedì 5 maggio per le classi prime e venerdì 6 maggio scorsi nella palestra dell’istituto. Si sono aggiudicati il trofeo in palio i seguenti alunni: per le classi prime 1° classificato e coppa a Matteo Sponton ( 1^ E Scienze applicate ), 2° classificato e medaglia d’argento a Mottaran Giulio ( 1^ A Scientifico ) e 3° classificato con medaglia di bronzo a Brero Chiara ( 1^ A Scientifico ) ; per le classi seconde: 1° classificato e coppa per Ciliuta Ciprian ( 2^ B Scientifico), 2° classificato e medaglia d’argento a Varljen Elena e 3° classificato e medaglia di bronzo per Marangon Federico (2^A Scienze Umane ).

Le lezioni sono state molto gradite da parte degli studenti i quali chiedono già la ripetizione dell’esperienza il prossimo anno. Si ringrazia la Dirigente Prof.ssa Silvia Polato per avere autorizzato lo svolgimento del progetto e delle gare finali e gli studenti partecipati per il buon comportamento tenuto durante tutti i mesi di lezione.

Ultime notizie