Successo  per la raccolta poetica “Luci nella notte”

Affetto e partecipazione alla presentazione del primo libro di Mariagloria Gallian nella sala Celio della Provincia di Rovigo 

ROVIGO – La bellezza declinata nelle diverse sfaccettature dell’espressione artistica. È questo il valore principale del primo libro di Mariagloria Gallian. La raccolta dell’autrice rodigina è stata presentata nella sala Celio della Provincia di Rovigo il 28 febbraio davanti a un pubblico numeroso e caloroso, che ha apprezzato i testi presentati, i quadri che vi sono accostati nella pubblicazione e gli interventi musicali curati da due giovani e talentuosi rodigini, l’arpista Caterina Bergo e il violinista Luca Marzolla.

“È con grande orgoglio – le parole in apertura di Enrico Ferrarese, presidente della Provincia – che a nome mio e dell’istituzione che rappresento do il benvenuto a un’iniziativa di così grande valore artistico, umano e sociale. Sapere che nel territorio ci sono tante persone che si adoperano per il benessere altrui è una sicurezza che sostiene il vivere civile. Auguro a Mariagloria un futuro ricco di tante soddisfazioni per il suo talento”. 

“Se è vero che la bellezza può salvare il mondo – le parole di Sofia Teresa Bisi che ha condotto l’evento – un’occasione come questa non può che dimostrarlo. Mariagloria ha dedicato gran parte della sua vita a perseguire le diverse forme di espressione del gusto estetico. Ha frequentato il liceo Artistico ma ha anche preso parte a corsi di pittura, pittura su vetro, fotografia, per affinare il gusto e alcune tecniche. Figlia d’arte, ha anche coltivato l’interesse per la musica, crea gioielli e da alcuni anni fa parte della squadra di nuoto artistico della Pettirosso. Il libro “Luci nella notte” è il frutto di un lungo lavoro di ricerca e attenzione sulle parole, in collegamento con gli elementi di studio nel percorso liceale, in cui è stata affiancata dalla guida della prof.ssa Cristina Ferrari. I testi si ispirano ad alcuni elementi forti dell’affettività di Mariagloria, a partire dalla famiglia, a cui è profondamente devota. Non solo mamma Patrizia, ma tutti i suoi cari, anche quelli che non ci sono più popolano la scrittura e il sentimento di questa giovane donna che sa vedere oltre l’invisibile, sa dare voce ai sentimenti più puri e sa comprendere l’inafferrabile”. 

“La scrittura – ha detto l’autrice con la delicata timidezza che la caratterizza – mi piace da quando sono bambina; ho iniziato a scrivere poesie durante il periodo della scuola superiore. Per me scrivere è molto importante, perché mi permette di esprimere tutto quello che provo, la mia personalità. Alcuni dei miei testi prendono ispirazione dalle persone più importanti della mia vita, soprattutto dai miei familiari. Altre poesie invece parlano di paesaggi speciali o elementi, come i fuochi d’artificio, che mi sono sempre piaciuti”.

Ogni testo poetico è accompagnato da riproduzioni di alcuni disegni dell’autrice e richiamano il messaggio delle parole con forme e colori spesso astratti ma emblematici nell’uso dei colori e delle forme. 

In chiusura Anteo Guglielmo ha letto alcune delle poesie del libro, che poi è stato autografato per i numerosi presenti.

Per informazioni sul libro: Patrizia Carlin, 338 5225098.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie