Turismo e navigazione, amministratori a cena con i Lions

Prima conviviale, organizzata dal Lions Club Badia Adige Po e dal Lions For Pets Rovigo, con tema principale il fiume Po e le sue potenzialità 

RUNZI DI BAGNOLO DI PO (Rovigo) – Turismo e navigazione è il tema trattato in una prima conviviale, organizzata dal Lions Club Badia Adige Po e dal Lions For Pets Rovigo, presso la splendida cornice dell’azienda agrituristica Valgrande, a Runzi di Bagnolo di Po (Rovigo). Sabato sera 21 gennaio erano presenti il consigliere regionale Laura Cestari, l’assessore al turismo di Ferrara e dieci tra sindaci e assessori di altrettanti comuni rivieraschi della sinistra Po. 

Dopo i saluti di rito dei due presidenti Lions, Loredano Fumetti e Alberto Faccioli padrone di casa, il past Governatore Lions, del Distretto 108Ta3, Terenzio Zanini ha brevemente illustrato le finalità di questa grande associazione di volontariato e le motivazioni che hanno generato la manifestazione. I Lions in generale sono sempre attenti alle necessità del territorio e mettono a disposizione gratuitamente le professionalità dei propri soci per aiutare e collaborare con le istituzioni, al fine di sviluppare nuove opportunità. A seguire Luigi Marangoni, presidente di zona L dei Lions, ha illustrato scopi e finalità del Lions For Pets di Rovigo, club di scopo impegnato per l’addestramento di cani di aiuto ai diabetici, ai non vedenti e in generale per tutte le persone con disabilità varie.

Dopo la proiezione di un bel filmato realizzato per valorizzare le bellezze e le peculiarità dei comuni coinvolti, rivieraschi della sinistra Po, con la conduzione dell’architetto-urbanista Silvia Lezziero supportata da Sonia Colombani, entrambe socie Lions,  sono stati invitati ad intervenire il Sindaco di Salara Lucia Ghiotti in rappresentanza delle amministrazioni oltre che in qualità di consigliere della Provincia di Rovigo oltre al sindaco di Occhiobello Sondra Coizzi, con un intervento storico-filologico rispetto a quanto il PO unisca e non divida la Sinistra PO alla sponda ferrarese. Queste figure istituzionali del territorio hanno evidenziato le problematiche che condizionano le loro attività come la difficoltà ad avere finanziamenti in generale perché più avvantaggiati i comuni del sud Italia. La una logica sarebbe da ridefinire, perché il Polesine non è certo da classificare tra i primi territori d’Italia per ricchezza anche se lo sono per virtuosità; progetti ed idee ce ne sono e molto validi. L’altro problema evidenziato è quello delle risorse per le manutenzioni di piste ciclabili o attracchi sul fiume. Le opere vanno manutenute altrimenti si degradano e il volontariato non sempre è la soluzione per tutto.

Slide 1
Slide 2
Slide 3
Slide 4
Slide 5

È stata quindi data la parola a Rudi Toninato vicepresidente di Assonautica Acque Interne Veneto ed Emilia, un’organizzazione in prima linea nella promozione della navigazione turistica, con prima finalità il riconoscimento della nautica come segmento turistico al pari di altre forme quali cicloturismo, spiagge, cammini e percorsi per pellegrini. Assonautica ha investito molto in mezzi nautici dotandosi, recentemente, anche di imbarcazioni a fondo piatto per la navigazione del Po, a volte problematica per la scarsità d’acqua.

È intervenuta quindi Laura Cestari, consigliere regionale, per presentare il suo progetto di legge sul turismo fluviale e sostegno alle comunità rivierasche, depositato il 12 agosto 2022 che prevede anche la possibilità di interventi per riqualificazione e ristrutturazione di fabbricati già esistenti e funzionali.  

Il consigliere ha indicato la priorità di una mappatura precisa di tutte le potenziali offerte del territorio ed auspicato la presentazione di progetti specifici per lo sviluppo del turismo fluviale. Sono previsti per questo un totale di 350.000 euro /anno per due anni. Laura Cestari ha indicato innanzitutto le Proloco locali come organizzazioni di riferimento così come Assonautica ed altre eventualmente disponibili per al raggiungimento degli obbiettivi del progetto oltre agli amministratori rivieraschi. Dalla concreta relazione del consigliere Cestari è emerso altresì evidente il suo impegno, l’entusiasmo e l’amore per il territorio Polesano, e questo è un aspetto rilevato ed apprezzato da tutti i partecipanti.

L’intervento conclusivo è stato dell’Assessore al Turismo, Bilancio e Contabilità del comune di Ferrara Matteo Fornasini, che ha sottolineato l’importanza strategica di una collaborazione tra le realtà turistiche delle due sponde del fiume, ed ha portato come realizzazione vincente, ad esempio, la pista ciclabile di 125 chilometri che da Stellata si snoda per Ferrara, Mesola e Gorino oltre a riconoscere l’impegno dei club Lions sul territorio.

Erano presenti il sindaco di Castelmassa Luigi Petrella, di Melara Anna Marchesini, di Salara Lucia Ghiotti, di Canaro Alberto Davì. Di Occhiobello Sondra Coizzi e per un saluto iniziale Nicola Zanca per Gaiba, l’Assessore di Ficarolo Debora Grechi, di Stienta Riccardo Malavasi e di Polesella Sonia Colombani

La serata si è conclusa con la consegna agli ospiti dei gagliardetti Lions e di pubblicazioni di carattere storico. Un bilancio estremamente positivo per questo che si profila come il primo di una serie di incontri, che verranno proposti aperti al pubblico ed altre associazioni proprio per continuare a collaborare per attenzionare e rispondere alle istanze del nostro territorio Polesine.

Ultime notizie