Ulss 5 Polesana: Giornata del malato all’ospedale di Trecenta

Al termine della Santa Messa, inaugurate tre apparecchiature di ultima generazione per il Servizio di Radiologia

TRECENTA (Rovigo) – Domenica 11 Febbraio 2024, Monsignor Pierantonio Pavanello, Vescovo della Diocesi di Adria e Rovigo, ha celebrato all’Ospedale San Luca di Trecenta la Santa Messa in occasione della Giornata Mondiale del Malato. Leggi l’omelia del Vescovo della Diocesi di Adria e Rovigo dedicata alla compassione.

Al termine della funzione, concelebrata con Don Alessandro Maistrello, Cappellano dell’ospedale, si è svolta l’inaugurazione di tre nuove apparecchiature, un momento importante, poiché le nuove tecnologie, altamente innovative e di ultima generazione, vanno a integrare la dotazione della diagnostica radiologica dell’Ospedale.

Slide 1
Slide 2
Slide 3
Slide 4
Slide 5

“Sono acquisizioni che rientrano nel percorso di rinnovo tecnologico dell’Azienda Sanitaria; percorso parallelo all’assunzione di personale, prima, preziosa e unica risorsa dell’Azienda – ha dichiarato la Dg Patrizia Simionato – In questa giornata che ci ricorda che la malattia dei nostri cari, emerge come il ruolo dei professionisti unito all’innovazione tecnologica e all’ammodernamento dei progetti assistenziali, possano garantire un supporto efficace ai pazienti, del loro vissuto, insieme alla loro famiglia, e alla loro comunità. Ed è proprio al personale tutto dell’Azienda che rivolgo, da parte della Direzione al completo, un forte ringraziamento per il loro impegno quotidiano, la loro disponibilità, i loro sacrifici e la lodevole abnegazione in un contesto storico sociale ove si presentano reali difficoltà nel realizzare nuove assunzioni, soprattutto per alcune professioni”.

Il Direttore Generale ha inoltre ringraziato il mondo del volontariato e dell’associazionismo: “Associazioni e volontari svolgono un ruolo centrale nel sostenere la persona ammalata, che in quanto tale, è fragile e bisognosa di supporto psicologico. Estendo inoltre il mio ringraziamento a tutti i soggetti, con ruoli diversi, che aiutano le persone malate e sono spesso fonte di validi suggerimenti. Saluto e Ringrazio autorità, sindaci e amministratori per la loro testimonianza e presenza oggi e sempre”.

Le tre nuove apparecchiature inaugurate sono una nuova Tac computerizzata a 128 strati, di ultima generazione, già funzionante, che garantisce diagnosi di precisione, effettuando esami sempre più accurati nella diagnosi delle patologie e garantendo l’acquisizione di immagini ad altissima risoluzione in tutte le applicazioni cliniche. Il costo complessivo per apparecchiature e adeguamento locali, finanziato interamente da Regione Veneto è di € 666.489,06 (IVA inclusa).

Con Fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, è stato installato ed è già in funzione un apparecchio radiologico telecomandato performante in linea con le più avanzate tecnologie e che permette, per la sua conformazione con piattaforma e scopia, diagnosi più precise e accurate. Il costo complessivo per apparecchiatura e adeguamento locali è di € 249.705,22 (IVA inclusa).

Infine, è stato acquisito e attivato un apparecchio radiologico tradizionale, di nuova generazione, in grado di aumentare il numero di prestazioni perché riduce notevolmente i tempi di esecuzione e dotato di una postazione che fornisce maggior comfort al paziente. Il costo complessivo apparecchiatura e adeguamento locali, interamente con finanziamento regionale è pari a € 287.702,00 (IVA inclusa).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie