Venerdì 14 giugno Giornata mondiale del donatore di sangue

Luca Zaia, presidente del Veneto, “con 180 mila donatori e 290 mila donazioni siamo tra i primi in Italia. esprimo gratitudine e orgoglio. Già al lavoro per migliorare ancora”

VENEZIA – “Domani ricorre la Giornata mondiale del donatore di sangue. Credo che, tra le tante ‘giornate’ che si celebrano a ogni livello questa sia particolarmente significativa. Un giorno nel quale, abbandonando per una volta i pur importanti aspetti tecnici, tutti noi siamo chiamati a pensare con riconoscenza a chi dona, in assoluta volontarietà, il sangue, perché dona la vita. In Veneto, questi angeli sono ben 180.000 secondo gli ultimi dati e forniscono 290.000 donazioni. Un esempio prezioso, uno straordinario aiuto all’intero mondo della medicina, un’alta rappresentazione del senso civico e dell’altruismo, due grandi virtù”.

Lo dice il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, in occasione della Giornata mondiale del Donatore di Sangue, che ricorre domani, 14 giugno.

“Sono orgoglioso nel sapere di appartenere ad una delle regioni in cui si registra il più alto numero di donazioni in Italia – prosegue il Governatore Zaia – segno di quello spirito di solidarietà che da sempre è nel Dna dei Veneti. Ma lo sono anche per la capacità che il sistema sanitario veneto ha avuto di dare, attraverso l’attività del Crat al quale intendiamo dare ancora maggiore forza con la nomina di un direttore che possa avere prospettive operative di lunga durata, un’organizzazione efficiente. Intendiamo garantire, oggi e nel futuro, l’apporto ottimale di sangue ed emocomponenti per tutti i cittadini, partecipando anche agli obiettivi di autosufficienza nazionale. Per questo sarà il Crat a guidare il tavolo di confronto su cui la parte professionale (i Dimt) e la parte Associativa, con la collaborazione attenta della Direzione Programmazione Sanitaria, dovranno lavorare per individuare i percorsi e le soluzioni più opportune e sostenibili”.

“Oggi nella Giornata mondiale del donatore – conclude il Presidente – non possiamo anche esimerci da una riflessione: siamo alle porte dell’estate e sappiamo che, soprattutto in questi mesi, le donazioni non sono mai troppe. Rinnovo l’appello che ogni anno viene formulato dalle associazioni di volontari affinché non si interrompano le donazioni di sangue e plasma nel periodo estivo. Magari anche grazie a nuovi donatori, desiderosi di contribuire a questo grande gesto di amore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie