Il docufilm che promuove il territorio 

Martedì sera al Notorious Cinemas proiezione unica docufilm "Il Vecchio e la bambina" del regista Sebastiano Rizzo con Totò Onnis,  Maria Grazia Cucinotta, e la giovane Giada Fortini. Polesine protagonista con l’Accademia dei Concordi di Rovigo, Fratta Polesine con villa Badoer, Lusia e San Bellino

ROVIGO – Una sala gremita, da sold out, ha assistito alle meraviglie del Medio Polesine e del Veneto nel docufilm “Il Vecchio e la bambina” proiezione unica nella Sala 2 del Notorious Cinemas andata in scena la sera di martedì 13 settembre. In platea molte le autorità, sindaci associati del Gal Polesine Adige e rappresentanti delle istituzioni e il gradito pubblico che numeroso ha risposto all’evento di promozione del territorio. L’evento è stato realizzato in provincia di Rovigo dal Gal Polesine Adige che ha realizzato il docufilm assieme ad altri Gruppi di Azione locale del Veneto per il “Progetto Veneto Rurale”. L’evento rodigino, in loco, è stato promosso sul territorio grazie all’Associazione culturale “Leonardo Da Vinci”. 

Slide 1
Slide 2
Slide 3
Slide 4
Slide 5
Slide 6
Slide 7
Slide 8
Slide 9
Slide 10
Slide 11
Slide 12
Slide 13
Slide 14
Slide 15
Slide 16
Slide 17
Slide 18

Presenti il presidente e la direttrice del Gal Polesine Adige, rispettivamente Giustiliano Bellini e Claudia Rizzi. E inoltre anche l’ex presidente dell’Gruppo di Azione Locale, Alberto Faccioli  e poi la referente dei progetti culturali della “Leonardo Da Vinci” Elena Brigo e  lo staff dell’Associazione. Tra gli ospiti gli  una parte degli “attori” che hanno preso parte alle riprese locali del docufilm firmato da Sebastiano Rizzo (Draka Cinema)  la famiglia dell’imprenditore della Terra degli orti di Lusia, e poi il presidente dell’Accademia dei Concordi Giovanni Boniolo, che ha interpretato se stesso nella storica e affascinante Accademia dei Concordi di Rovigo. Gli attori principali della pellicola sono invece Totò Onnis,  Maria Grazia Cucinotta, e la giovane Giada Fortini. 

I Comuni e i siti polesani protagonisti delle riprese sono: Rovigo con l’Accademia dei Concordi, Fratta Polesine con la maestosa “Villa Badoer”, Badia Polesine “Teatro Balzan”, Lusia polo d’eccellenza agricola con le “Vie degli orti” e le campagne, distese dorate di grano, di San Bellino. Non sono mancate sorprendenti riprese con panoramiche dall’alto che hanno abbracciato la storia e i monumenti del Polesine lungo una parte dei 17 comuni associati del Gal Polesine Adige, scelti per l’opera  

Ci sarà anche una Tavola rotonda dedicata alla promozione del territorio attraverso il cinema con il regista del film Sebastiano Rizzo e la docente di cinema Maria Roberta Novielli dell’Università Ca’ Foscari, venerdì 16 settembre alle 17.30 presso la Sala Consigliare della Camera di Commercio. Prenotazione obbligatoria, contattare l’Associazione “Leonardo Da Vinci” telefono +39 335 1487556, e-mail a info@associazioneleonardodavinci.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie