Il vero Fleximan è arrivato

Pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto legge voluto dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini sugli autovelox

ROVIGO – Le gesta del presunto “sega autovelox con il flessibile” indagato dalla Procura della Repubblica di Rovigo (LEGGI ARTICOLO) sono nulla rispetto a quanto accadrà a breve in tutta Italia.

Passa la propaganda Lega contro l’autovelox selvaggio ed oggi, martedì 28 maggio, viene pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto legge voluto dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini che mieterà migliaia di autovelox in tutta Italia.

Nel nuovo decreto autovelox si dice che i dispositivi già installati dovranno conformarsi entro 12 mesi alle sue prescrizioni, altrimenti andranno “disinstallati”. La prescrizione più importante, oltre a quelle tecniche di conformità, è quella che “debbano sussistere una elevata incidentalità e/o una diffusa mancata osservanza dei limiti di velocità”.

Il che significa che, dato che in genere dove c’è un autovelox gli incidenti crollano e i limiti di velocità sono guarda caso rispettati, la prescrizione non sarà automaticamente rispettata e gli autovelox saranno “disinstallati”.

Dopodiché bisognerà aspettare che si ricominci a correre sulle strade, e a morire, e quando i morti saranno in numero sufficiente si potrà tornare ad installare gli autovelox.

È arrivato il vero Fleximan, giusto in tempo per le elezioni europee.

2 Comments
  1. Che articolo subdolo e inesatto ! Allora secondo chi lo ha scritto ba bene che i velox ( vedi caso proprio a Rovigo…) sia installato al termine della discesa di un ponte su una tangenziale a n.4 corsie dove non esiste nessun incrocio e per fare i 70 km all’ora devi frenare , scalare e mettere in terza …. ehh si ….qua c’è proprio voglia di spennare chi ci passa sotto altroché pericolo e incolumità ! 😁

  2. L’unica cosa buona fatta dal Ministro.
    Le amministrazioni e la polizia municipale devono strisciare per terra e morire di fame.
    So problemi loro se non riescono a far rientrare risorse nelle casse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie