Il Frassinelle dilaga con i Leoni del Nord Est

I Galletti hanno vinto 63-0, il tecnico Enrico Brizzante ha lodato la sua formazione per la voglia di giocare e la disponibilità a muovere la palla.

FRASSINELLE (Rovigo) – Il Rugby Frassinelle straripa con il Leoni del Nord Est con il risultato finale di 63 a 0.

Il Frassinelle è stato superiore in tutte le fasi del gioco; mischia chiusa, touche pur con qualche imprecisione, gioco veloce dei trequarti e difesa efficace dall’inizio alla fine che, con una buona dose di concentrazione ha impedito anche la marcatura di bandiera ai volenterosi veronesi.

La partita inizia con la formazione dei Leoni del Nord Est che si conferma squadra aggressiva, ostica ma nulla più, con il Frassinelle che quando ha spostato l’ovale al largo ha fatto molto male agli avversari. Alla fine saranno 11 le mete segnate di cui, e questo è un bel segnale, sette dai trequarti e quattro dagli avanti.

Alla fine il tecnico Enrico Brizzante ha lodato la sua formazione per la voglia di giocare e la disponibilità a muovere la palla. Tuttavia rimane ancora molto da scoprire da parte di alcuni dei ragazzi scesi in campo con diversi atleti che hanno giocato hanno da poco raggiunta la maggiore età e i ruoli appaiono coperti con opzioni diverse tra loro nonostante con i Leoni mancassero ancora dei “titolari” di cui non se ne è sentita la mancanza.

Il “Man of the match” è andato al capitano Paolino Bassora che merita una menzione particolare, giocando una partita esemplare in termini di presenza, placcaggi e carisma. Ha giocato pochissimi palloni ma la sua presenza si è fatta sentire in ogni minuto della partita e in ogni zona del campo. Un esempio! 

Rugby Frassinelle: Spolaore, Chaffaq, Gorzoni, Malaman, Bergamini, Saltarin, Targa, Bassora, Spada, Dalla Libera, Cenci, Garbo, Toso, Bicego, Savella, Quaglio, Rovere, Navarri, Giacobbe, Mazzetti.

I marcatori: 3 Mete Chaffaq, 2 Toso e Gorzoni, 1 ciascuno Spada, Dalla Libera, Malaman e Bergamini.

Le trasformazioni: 1 Saltarin, 2 Gorzoni, 1 Spolaore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie