Mister 79:58 lascia a Rovigo uno storico scudetto vinto al Plebiscito 

Tempo di saluti per Carel Greeff che ringrazia la Rugby Rovigo e i tifosi rossoblù, è l’autore della meta che valse lo scudetto a Padova il 2 giungo 2021

ROVIGO – 2 giugno 2021, 2 miseri secondi alla fine di una finale scudetto che vede sotto la FemiCz Rovigo, il Petrarca favorito stava vincendo in casa, al 79’ e 58’’ Carel Greeff segna la meta della vittoria entrando nella storia dei Bersaglieri.

Lo scudetto numero 13 in casa dei rivali di sempre, ha per Rovigo un ricordo indelebile, una città in delirio per giorni. Quando Mitrea, con l’ausilio del TMO, ha assegnato la marcatura pesante, la città in mischia è risorta dopo un dolore lungo ben 10 anni (finale persa a campi invertiti nel 2011). Il 28 maggio 2022 a Parma, sempre contro il Petrarca, la finale l’ha seguita dalla tribuna. Una stagione sfortunata la sua, peccato, sarebbe stato molto utile alla causa rossoblù.

Ora per Carel Greeff è tempo di saluti.

“Grazie Rugby È arrivato il mio momento di dire addio a uno sport/sogno che si è avverato. Il rugby mi ha fornito amicizie, lezioni, mentori, viaggi, tempi duri ma anche momenti indimenticabili. Grazie alla mia famiglia che mi è stata vicino ogni giorno”. 

Ringrazia la moglie Aloise, la Rugby Rovigo e tutti i tifosi “Avrò sempre la maglia rossoblu a cuore. Arrivederci”.

Entienne Swanepoel e Carel Greeff dopo la vittoria scudetto di Padova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie