Al supermercato la prevenzione contro le truffe agli anziani

Le vittime sono persone vulnerabili, oltre all’attività meritoria di contrato della Polizia di Stato di Rovigo, in questi giorni parte la campagna informativa nei punti Despar del Polesine e del Veneto

ROVIGO – Ogni azione è utile per prevenire l’odioso crimine delle truffe contro gli anziani. In Questura a Rovigo è stata presentata venerdì 12 aprile la nuova campagna “Insieme, contro le truffe” promossa da Despar (Aspiag Service), in collaborazione con la Polizia di Stato e l’associazione Anaci (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali ed Immobiliari). 

La distribuzione di flyer informativi all’interno della rete di condomini dell’associazione e in tutti i punti vendita a marchio Despar, Eurospar e Interspar della provincia di Rovigo, cercherà di raggiungere le potenziali vittime, mettendole in guardia. Polizia di Stato che recentemente è stata anche premiata dalla Regione Veneto, un caso diventato nazionale. Pochi giorni fa l’ispettore della Squadra Mobile di Rovigo, Morgan Raito, ha ricevuto il Premio Legalità e Sicurezza per aver assicurato alla giustizia due truffatori che avevano preso di mira un’anziana signora  (LEGGI ARTICOLO).  

Slide 1
Slide 2
Slide 3
Slide 4

Alla presentazione dell’iniziativa era presente il Questore di Rovigo, Giovanni Battista Scali, Marica Bozzelli, Commissario e portavoce del Questore di Rovigo e responsabile dell’Upgsp (Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, Squadra Volanti), Lino Zenato (Anaci Rovigo) e Francesca Furlan (ufficio stampa Despar – Aspiag Service).

Truffe in aumento in provincia di Rovigo, attenzione massima delle forze dell’ordine, ma la prevenzione resta l’arma di difesa migliore.

“Le truffe più comuni – ha sottolineato il Questore di Rovigo – sono quelle di spacciarsi per erogatori di servizi, finti avvocati o forze dell’ordine, paventando delle situazioni di pericolo chiedendo una cauzione per un parente arrestato, o soldi per il figlio-nipote in ospedale. I sentimenti giocano un brutto effetto sulle persone fragili, questa è una campagna necessaria. Invito a chiamare nel dubbio sempre le forze dell’ordine (113 numero della Polizia di Stato, 112 numero di emergenza unico, ndr), una telefonata non è mai un disturbo, una telefonata aiuta chi deve essere aiutato. Invito anche i vicini a segnalarci comportamenti sospetti”.

Anziani che spesso non denunciano per paura o vergogna. Le famiglie, i vicini, tutti quelli che conoscono una persona fragile, hanno il dovere morale di attivarsi. Truffatori mordi e fuggi. Spesso sono ben vestiti, italiani, colpiscono in trasferta, qualche hanno fa la Squadra Mobile di Rovigo aveva inchiodato una banda campana, recuperando anche preziosi e contanti appena sottratti.

“Collaboriamo con le 7 questure del Veneto da diversi anni – ha sottolineato Francesca Furlan (ufficio stampa Despar – Aspiag Service) – a fondo cassa degli 11 punti di vendita del Polesine saranno a disposizione i flyer informativi. Invitiamo lacollettività a sensibilizzare tutti per arginare questo reato”.

Impegno garantito anche dall’Anaci “Cercheremo di avvisare i nostri condomini e i residenti  – ha sottolineato Lino Zenato, dirigente Anaci Veneto – in modo particolare le persone che soffrono, impegnandoci ad allertare le forze dell’ordine quando necessario”.

One Comment
  1. si..bella la prevenzione..pero’!!!proprio in un supermercato,una ladra ha rubato la borsa nel carrello di una signora anziana…ldenuncia..le telecamere solo per le forze dell’ordine ovviamente per la pricacy della ladra e complice…l’hanno riconosciuta:vecchie conoscenze..quindi???? nulla di fatto!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie