Castelnovo Bariano, aggredisce e picchia la convivente anche con una cintura. Arrestato

Urla disperate di una 47enne, arrivano i Carabinieri della Compagnia di Castelmassa (Rovigo) ed arrestano il 41enne marocchino. Lei è ricoverata con 40 giorni di prognosi

CASTELNOVO BARIANO (Rovigo) –  Mercoledì 20 marzo 2024, i Carabinieri della Compagnia di Castelmassa hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un 41enne, marocchino, domiciliato a Castelnovo Bariano (Rovigo), con precedenti di polizia, ritenuto responsabile, in ipotesi accusatoria, di gravi delitti contro la persona commessi nei confronti della propria convivente, una 47enne italiana, da mesi vittima di maltrattamenti

Nel primo pomeriggio, infatti, perveniva alla Compagnia di Castelmassa una chiamata d’emergenza che segnalava urla disperate provenire da un’abitazione occupata da una coppia. Pertanto, l’operatore della centrale operativa ha disposto  l’immediato invio sul posto dei Carabinieri della Stazione di Castelmassa e, in supporto, delle altre pattuglie presenti sul territorio. 

Quando i Militari hanno avuto accesso all’interno dell’abitazione si sono trovati di fronte a una scena di inaudita violenza: ambienti completamente a soqquadro, con arredi e suppellettili distrutti, e soprattutto una donna con evidenti i segni, su tutto il corpo, di una feroce aggressione, consumata anche facendo ricorso a una cintura: la vittima, impossibilitata a fuggire perché il suo convivente aveva preventivamente chiuso a chiave la porta di ingresso, così interdicendole l’unica possibile via di fuga, era stata selvaggiamente picchiata.

Mentre i Carabinieri hanno bloccato l’uomo, caricandolo sull’autovettura di servizio portandolo in Caserma, la donna ha ricevuto i primi e più urgenti soccorsi dai sanitari del “Suem 118”, per poi essere immediatamente trasferita, in autoambulanza, al Pronto Soccorso dell’ospedale di Rovigo, dove i medici ne disponevano il trattenimento in osservazione, per l’esecuzione dei necessari approfondimenti diagnostici, rilasciando una prognosi provvisoria di quaranta giorni.

L’aggressore, al termine delle incombenze di rito, su disposizione della Procura della Repubblica di Rovigo, è stato associato alla locale casa circondariale. 

Il procedimento è nella fase delle indagini preliminari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie