Ospedale di Rovigo, un angolo per la mamma e il bambino 

La realizzazione di questo luogo prezioso è stata possibile grazie a un progetto nazionale realizzato dal Soroptimist, in partnership con Lions club e Leo club Rovigo

ROVIGO – È stato inaugurato venerdì 10 maggio, collocato in una area adiacente alla hall dell’Ospedale di Rovigo, uno spazio dedicato alla mamma e al bambino, ove sarà possibile allattare e cambiare il proprio piccolo o semplicemente sostare per un momento di coccole e tranquillità. La realizzazione di questo luogo, si è resa possibile grazie a un progetto nazionale e alla generosità di Soroptimist, in partnership con Lions Club Rovigo e Leo club Rovigo. Nello spazio creato sono presenti piccoli tavoli e sedie per i bambini, sedute per gli adulti, un fasciatoio.  Il progetto continuerà con la prossima realizzazione, presso l’ospedale di Adria, di un ambiente dedicato alle donne e ragazze vittime di violenza. 

Slide 1
Slide 2
Slide 3
Slide 4
Slide 5
Slide 6
Slide 7

“Oggi è un piccolo passo, ma in realtà un grande passo per il nostro Ospedale, che grazie a questa virtuosa collaborazione, oggi mette a disposizione un angolo tutto dedicato a mamma e bimbi, un luogo accogliente e sicuro per fare una pausa in tutta tranquillità. Oggi nascono purtroppo pochi bambini, e possiamo fare molto per rendere più accoglienti e aperti gli ambienti della sanità alle mamme e ai loro bambini. È questo un obiettivo che vorrei realizzare insieme alle associazioni e ai club, che ringrazio per la estrema generosità”, ha detto il Direttore Generale dell’Ulss 5 Polesana, Pietro Girardi.

Alla semplice cerimonia era presente il direttivo di Soroptimist, del Lions club, e del Leo Club. “Il progetto nasce per l’attenzione che come Club Soroptimist di Rovigo abbiamo avuto e sempre avremo per l’Azienda Sanitaria Polesana: abbiamo comunicato alla direzione la nostra volontà di mettere a disposizione arredi   delle donne, delle mamme e dei loro piccoli, che per diverse necessità si trovano a frequentare gli spazi ospedalieri.  Il tutto è stato possibile grazie anche alla collaborazione con Lions Club e Leo club”, conferma la dottoressa Anna Maria Bernardi del direttivo Soroptimist. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie