Storia della Roulette

La semplicità del gioco e la possibilità di fare la stessa puntata di altri giocatori, rende il gioco tra i più popolari nelle sale da gioco

La Roulette è un gioco d’azzardo che prende il suo nome dal francese ‘piccola ruota’. Il gioco, ora prevalentemente presente nei casinò, si è molto probabilmente sviluppato dal gioco italiano Biribi. La Roulette si basa sulla fortuna, il giocatore può scegliere un singolo numero, gruppi di numeri, un colore tra nero e rosso, numeri pari o dispari o se il numero è alto – da 19 a 36 – o basso – da 18 in giù. La semplicità del gioco e la possibilità di fare la stessa scommessa di altri giocatori, rende il gioco un’attività sociale divertente tra le più popolari nei casinò.

Un divertente esperimento di fisica

Il meccanismo della roulette proviene probabilmente dalle ricerche sulle macchine a moto perpetuo realizzate dal fisico, inventore e matematico Blaise Pascal nel 1655. Una macchina a moto perpetuo è una macchina che muovendosi continua a creare energia, creando un movimento, appunto, continuo. Questo era ritenuto impossibile e l’intento di Pascal era di sfidare, senza alcun successo, le regole della fisica. Il primo meccanismo di questa macchina deriva probabilmente da un ibrido di Biribi, gioco italiano del 1720.

Una delle prime menzioni del gioco come lo conosciamo oggi è del 1796, in cui l’autore Jaques Lablee descrive nel suo libro Roulette, ou le Jour una ruota presente nel Palazzo Reale di Parigi.

L’invenzione dei fratelli Blanc

Le ruote usate nei casinò di Parigi negli anni ’90 del 1700 usavano il rosso per il singolo zero e il nero per il doppio zero. Nel 1800, per semplificare, venne selezionato il numero verde per i numeri zero nella roulette.

Nel 1843 nella città casinò di Bad Homburg, due uomini francesi – François e Louis Blanc – introducono – in onore del Re Carlo III di Monaco – le roulette con singolo zero per competere contro i casinò con lo stile tradizionale a doppio zero. Aggiungere lo zero alla macchina significava un significativo vantaggio per il banco. La popolarizzazione della roulette fu molto importante per il reame, che stava vivendo un periodo di crisi finanziaria, e la roulette divenne presto simbolo dell’ascesa di Monte Carlo. Rilevante per il successo della città fu anche il bandimento da parte della Francia del gioco d’azzardo, rendendo Monte Carlo il principale centro di ritrovo per appassionati del gioco.

Nel 19esimo secolo la roulette diventa uno dei giochi più popolari in Europa e negli Stati Uniti. Negli anni ’60 la roulette con singolo zero si diffonde in Europa. Infatti in quegli anni il gioco d’azzardo viene abolito dal governo tedesco e la famiglia Blanc si vede costretta a spostare l’ultima operazione legale rimanente a Monte Carlo.

Orizzonti americani e roulette con doppio zero

La roulette con doppio zero rimane però popolare negli Stati Uniti, diffondendosi in Mississippi, New Orleans e negli stati dell’ovest. È qui che la macchina viene spostata sopra il tavolo per evitare che avvengano imbrogli.

Durante l’inizio del 20esimo secolo gli unici posti dove fosse possibile giocare la roulette era Monte Carlo, con la ruota a singolo zero francese e a Las Vegas, con la tradizionale doppio zero americana.

Roulette nella cultura popolare

Possiamo dunque supporre con tranquillità che negli anni, in Europa e nel mondo, in particolare negli Stati Uniti, la roulette si sia affermata grandemente nella cultura popolare.

La roulette è stata fin dalla sua diffusione, associata con il casinò, diventando uno dei suoi giochi più popolari a causa della sua semplicità e socialità. La popolarità del gioco deriva anche dalla sua rappresentazione nella cultura popolare stessa, con l’apparizione in numerosi film. Uno di questi è Una cascata di diamanti del 1971, in cui vediamo il leggendario James Bond giocare diversi giochi d’azzardo tra cui appunto la roulette. Ma ancora il grande classico Casablanca del 1942, in cui Rick (Humphrey Bogart) gioca nel suo caffè assicurandosi di vincere il numero 22, per poi scappare con la compagna. Più recentemente invece abbiamo visto il gioco apparire sugli schermi in 7 sconosciuti a El Royale, in cui la vita di Emily Summerspring (Dakota Johnson) dipende da dove la pallina andrà a cadere.

Vediamo quindi quanto il gioco della roulette sia rimasto invariato nei secoli, nascendo da un esperimento è diventato velocemente uno dei giochi più popolari del casinò facendo la fortuna di Monte Carlo e poi Las Vegas. Da lì la sua diffusione nella cultura pop, attraverso iconiche rappresentazioni filmografiche.

Ultime notizie