Tennis e Padel: I vertici del Comitato Regionale hanno incontrato i presidenti e maestri  

Due importanti appuntamenti che hanno coinvolto i circoli affiliati alla Federazione Italiana Tennis e Padel della provincia di Rovigo

ROVIGO – Presso il Circolo Tennis Rovigo si sono tenuti nelle giornate di lunedì 11 e mercoledì 13 marzo, due importanti appuntamenti che hanno coinvolto i circoli affiliati alla Federazione Italiana Tennis e Padel della provincia di Rovigo.

Nella serata di lunedì protagonisti i presidenti e i rappresentati dei circoli iscritti alla federazione che sono stati informati sulle novità proposte dal Comitato Regionale Veneto (rappresentato dal vicepresidente regionale Gianfranco Piombo) e dei numeri consuntivi che archivia il 2023 con 51mila tesserati nel solo Veneto, successo frutto di investimenti impostati ad inizio del 2000 e che stanno portando risultati indiscussi. Con i tennisti italiani che infiammano gli appassionati grazie alla vittoria della Coppa Davis e dell’Australian Open (con la nostra punta di diamante Jannik Sinner), si è alimentato ulteriormente il crescente interesse verso il tennis e questi risultati rappresentano la cima di un iceberg che rivela un grandissimo lavoro di programmazione ed investimento incessante sulle scuole, sui giovani talenti e sul movimento di base curato dalla federazione.

Presente alla serata Nicola Martinolli nella duplice veste di consigliere del Comitato Regionale e fiduciario dei maestri provinciali che ha parlato degli incentivi introdotti dalla federazione per sostenere l’incremento dei tornei collegati alla quarta fascia (la più affollata in termini di agonisti praticanti) che prevede una serie di aiuti che potranno essere erogati economicamente ai circoli a fronte di nuove procedure molto simili a quelle già presenti e lo stesso Martinolli è tornato sull’argomento di sviluppare un circuito provinciale dedicato agli atleti under che possa coinvolgere tutti i giovani per un’esperienza formativa che abbini agonismo e socializzazione, andando incontro ai piccoli circoli della provincia di Rovigo dove i numeri dei praticanti under è esigua e quindi diventa alto il rischio di abbandono per mancanza di stimoli collegati al misurarsi con altri coetanei, un confronto quello sul campo da gioco da cui deriva il processo di apprendimento e valorizzazione del gesto tecnico, della consapevolezza e della crescita attiva del giovane atleta.

Tutti questi importanti temi sono stati analizzati e approfonditi con un moderatore d’eccezione, Massimo Borgato, che riveste la carica di delegato della Fitp per la provincia di Rovigo e da anni importante riferimento per i circoli della provincia sul tema di problematiche legate ai tesseramenti, censimento dei campi da gioco e degli impianti sportivi affiliati alla federazione, nonché promotore del tennis e del dialogo tra istituzioni. Lui la persona che ha incoraggiato e sostenuto “il rientro in gioco” del Tennis Club Castelmassa che da giugno 2023 ha ripreso la sua attività in maniera dinamica, grazie ad un lusinghiero gruppo di lavoro.

A conclusione degli interventi la parola è passata al delegato provinciale del Coni, Lucio Taschin che ha ringraziato i presidenti e rappresentati dei circoli, quotidianamente in prima linea e motore pulsante delle attività connesse alle realtà sportive, rappresentati che devono assumersi responsabilità ed essere garanti di obbligazioni per la società che essi rappresentano. Taschin ha ribadito la presenza del Coni con sportelli dedicati per assistere gratuitamente le associazioni sportive ed aiutarle a districarsi nella miriade di obblighi fissati con le normative introdotte dalla riforma fiscale dello sport fino agli investimenti e pratiche burocratiche collegate ed ha elogiato i rappresentati federali presenti per l’impegno della Fitp nel tenere informati i suoi affiliati in merito a tutti questi importanti cambiamenti, anche con riunioni di zona che vedono la partecipazione di rappresentanti di altri enti, tutti uniti dal linguaggio universale dello sport, depositario di un complesso di valori etici, fisici, e educativi.

Nella mattinata di mercoledì 13 marzo protagonisti i maestri e gli istruttori certificati della Fitp che hanno preso parte alla riunione provinciale organizzata dal tecnico federale Cristian Vinco in collaborazione con il Comitato Regionale Veneto Fitp e di Fabrizio Cavestro promoter Fitp del Triveneto , che hanno presentato le attività federali 2024 con grande attenzione all’importanza della certificazione delle scuole tennis, del coinvolgimento degli under con manifestazioni a loro dedicate come il Fitp Junior Program e la presentazione dei centri estivi 2024, dei raduni provinciali, dei raduni regionali e dell’attività di racchette in classe che questo anno traguarda il decimo anniversario con l’estensione del progetto alle scuole secondarie di primo e secondo grado (i progetti nel complesso saranno treRacchette in classe Kids per le scuole primarie – scuole elementari, Racchette in classe Junior per le secondarie di primo grado – le scuole medie, e  Racchette in classe Pro per le scuole secondarie di secondo grado – superiori). Un’occasione sia per avvicinare alla racchetta un numero ancora maggiore di studenti, sia per reclutare – anche grazie a delle borse di studio – i giovanissimi più portati. 

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito tramite una nota informativa e nell’ottica di una prosecuzione dell’attività didattica, garantirà che il progetto potrà estendersi anche nel primo quadrimestre dell’anno didattico 2024-2025, quindi da settembre a dicembre del 2024. Questo perché alla base del progetto c’è anche grande elasticità organizzativa, che permette a ogni tennis club di organizzarsi con il relativo istituto scolastico, in modo da accontentare le esigenze di ognuno. Per accedere a questo tipo di opportunità ogni Istituto Scolastico interessato dovrà farne richiesta tramite l’Ufficio Scolastico di zona oppure contattando un circolo tennis certificato Fitp che esaminerà la richiesta per successivamente curarne direttamente le pratiche collegate. Ricordiamo che storicamente nel nostro Paese un’attività così strutturata si è realizzata soltanto nelle esperienze più avanzate e per opera di insegnanti di motoria solitari, ma che hanno saputo introdurre esperienze di grande progresso per tutta la nostra scuola. Ora, con questa proposta, la Fitp scende in campo a sostegno di queste iniziative per un approccio attivo e cooperativo.

Infine, la notizia dell’arrivo del trofeo della Coppa Davis che arriverà a Vicenza il 28 marzo e rimarrà nella città del Palladio fino al 3 aprile dove la famosa insalatiera in tour per l’Italia sarà protagonista di una serie di eventi e momenti celebrativi che prevedono nella tappa veneta anche una esposizione al pubblico presso la Basilica Palladiana, sita in piazza dei Signori, da venerdì 29 a domenica 31 marzo dove potrà essere ammirata da tutti gratuitamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie