Approvato il nuovo regolamento dell’asilo nido di Polesella

Il precedente era stato approvato nel 2007, all’apertura del servizio. Nei quindici anni trascorsi da quel momento, i bisogni delle famiglie si sono modificati 

POLESELLA (Rovigo) – È stato approvato all’unanimità nel corso dell’ultimo consiglio comunale il nuovo regolamento dell’asilo nido di Polesella (Rovigo). 

Il precedente era stato approvato nel 2007, all’apertura del servizio. Nei quindici anni trascorsi da quel momento, i bisogni delle famiglie si sono modificati, non solo a causa della pandemia, che comunque ha costretto a ripensare i servizi e le modalità di erogazione. Il Consiglio Comunale ha quindi ritenuto doveroso adeguare il regolamento alle nuove esigenze dei nuclei famigliari. Le modifiche più importanti riguardano la redazione delle graduatorie per l’inserimento al nido, con una revisione dei criteri per l’assegnazione dei punteggi. La novità principale, in questo ambito, riguarda la presentazione di due graduatorie per gli inserimenti dei bambini nell’anno, in modo che siano sempre attuali e aggiornate, in base alle richieste ricevute. Sono state previste nuove scontistiche per i periodi di assenza più lunghi, arrivando fino al 50% per il mantenimento del posto in caso di assenza giustificata per un periodo non superiore a tre mesi.

«Il rilancio dell’asilo nido iniziato alcuni anni orsono è ormai consolidato. Oggi lavora a piena capienza, quindi si è reso necessario aggiornare le modalità di costituzione delle graduatorie e la loro durata» dichiara l’assessore alle politiche sociali e vicesindaco Consuelo Pavani. “Ho seguito in prima persona la redazione del nuovo regolamento, collaborando con la dottoressa Ghirardini e la cooperativa Il Raggio Verde, oggi gestore della struttura”.

Alla base della redazione del nuovo regolamento c’è stato uno studio accurato della casistica degli anni precedenti e delle caratteristiche delle nuove famiglie, elementi che hanno portato a un aggiornamento delle regole di funzionamento di un servizio sempre più adeguato alla conciliazione famiglia-lavoro. Non solo, l’amministrazione ha deciso di non intervenire con ulteriori impegni di spesa da parte delle famiglie (ad esempio, una quota di ammissione), impegnandosi a integrare con fondi propri eventuali esigenze economiche derivanti dall’erogazione del servizio. “Sono molto soddisfatta dell’attività dell’asilo nido Gattonando. Per l’amministrazione sono importanti i riscontri positivi che otteniamo dalle famiglie per un servizio ritenuto di qualità, un servizio che ha una fondamentale valenza sociale, ma che è anche la prima porta dei servizi per l’istruzione presenti sul territorio comunale”.

Ultime notizie