“Chi vota Lega è masochista?” Se lo chiede il Psi di Rovigo

La Federazione socialista si chiede come mai se la sanità pubblica in Regione del Veneto viene surclassata dall'offerta di prestazioni di quella privata, a pagamento, i cittadini continuino a dare fiducia al presidente Luca Zaia

ROVIGO – Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, passa per essere uno dei più stimati presidenti di Regione. Anche in Veneto ottiene grandi consensi, come rileva la Federazione polesana del Partito socialista italiano.

“Quello che non riusciamo a capire è il fatto che le persone che incontriamo si lamentano per il malfunzionamento della sanità nel suo complesso e degli ospedali in particolare – sottolinea il Psi provinciale di Rovigo – Ma la sanità è gestita dalla Regione a seguito di scelte politiche fatte dal presidente Zaia. Queste ci costringono quasi sempre a scegliere strutture private, ed a pagamento, per potere avere risposte adeguate. Ora si aggiunge anche la carenza di medici”.

“Ma, allora, quelli che protestano per i disservizi sono gli stessi che, poi, lo votano? O si tratta di avatar che non hanno una unica visione delle proprie scelte e delle proprie esperienze? – si chiedono i socialisti – Cose assurde ed inspiegabili razionalmente. Non ci resta che riferirci ai criteri legati alla psicologia laddove studia anche il fenomeno del masochismo. O si tratta semplicemente di voto ideologico? Ma se così fosse non sarebbe certo pensabile sperare in qualche miglioramento” conclude la Federazione polesana del Psi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie