M5S Rovigo: Stop al traffico pesante nelle frazioni

Dall'uscita dalla città in Viale Tre Martiri a Marmago e Sarzano, ma anche a Borsea camion e mezzi agricoli esasperano i residenti che chiedono più sicurezza

ROVIGO – “In questi giorni si sono susseguite diverse notizie in tema di viabilità, tra cui la decisione di revocare l’impegno di spesa di 50 mila euro, stanziato dall’amministrazione Gaffeo per installare i varchi per risolvere il problema del traffico pesante in Viale Tre Martiri, e ora le proteste dei residenti Borsea, ormai esasperati dal traffico pesante, da camion a mezzi agricoli, che scorrono sulla via principale della frazione, per evitare di allungare la strada passando per l’Interporto.

Stesso problema che interessa le frazioni di Mardimago e Sarzano, nelle quali occorrerà riprendere il filo di un dialogo con tutti gli enti come Provincia e Regione per trovare delle soluzioni.

Riteniamo che sia fondamentale ristabilire, non appena possibile con l’insediamento della nuova amministrazione, lo stanziamento dei fondi per l’installazione dei varchi di controllo, che dopo Viale Tre Martiri erano stati accennati come possibile soluzione anche a Borsea, e procedere a individuare altre forme di interventi che mettano in sicurezza le vie interessate, oltre che dal traffico pesante, anche dalla velocità di circolazione (quali ad esempio dossi o restringimenti di carreggiata).

Sarà necessario impostare un piano organizzativo del personale della Polizia locale, per garantire presidi costanti nelle frazioni e tutelare la pubblica sicurezza ed il rispetto delle norme stradali.

Ricordiamo che ancora ai tempi della giunta Bergamin vennero acquistati diversi velobox, che però oltre ad aver comportato un costo elevato di soldi pubblici non hanno prodotto alcun effetto.

Il Movimento 5 Stelle garantisce impegno ed attenzione sul tema viabilità, soprattutto delle frazioni, per risolvere un problema cui non è più possibile procrastinare l’attuazione di una soluzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie