Adria punta al completamento di un bosco di pianura tra frazioni e periferia

La nuova ciclabile Baricetta/Valliera, il completamento della ciclovia Valliera/Adria oltre che la mitigazione visiva sono le compensazioni ambientali previste per la realizzazione dell’impianto fotovoltaico presso ex Deltalat

ADRIA (Rovigo) – Il 26 agosto la Conferenza di Servizi decisoria che si è riunita in videoconferenza, convocata dalla Regione Veneto Direzione-Ricerca-Innovazione-Energia, ha adottato in maniera definitiva il Provvedimento autorizzativo Unico Regionale per la realizzazione del progetto di un impianto fotovoltaico connesso alla rete da realizzarsi nell’ex sito industriale Deltalat. A partecipare alla conferenza di Servizi con delega del sindaco del comune di Adria, l’ingegner Andrea Portieri.

Sono state anche definite con la società che realizzerà l’impianto, JUWI DEVELOPMENT 05 S.R.L. ed il Comune le misure di compensazione ambientale che saranno oggetto di prossima convenzione tra le parti. Le misure ambientali prevedono una mitigazione visiva con l’installazione di un pioppeto lungo il perimetro dell’impianto, la realizzazione della nuova pista ciclabile da Baricetta a Valliera, il completamento della pista ciclabile dall’idrovora Cengiaretto e via Risorgimento e la creazione di un bosco di pianura.

La nuova ciclabile si inserisce in un progetto di master plan comunale definito ciclopolitana all’interno del territorio del Parco del Delta del Po. Il percorso ciclabile si snoderà lungo la Strada Provinciale 4 per 1.400 mt, che dall’ufficio postale di Baricetta arriverà all’esistente ciclopedonale di Valliera. L’ infrastruttura viaria, dall’idrovora Cengiaretto si estenderà per altri 900 metri in direzione corte Guazzo-Artessura.

 Il bosco, in linea con gli obbiettivi nazionali ed internazionali in tema di Ambiente e previsti dal Paes, si inserisce nel piano del verde comunale e sorgerà nell’area ad est di viale Risorgimento (fuori dall’area destinata all’impianto fotovoltaico) dove sarà creato un corridoio verde tra il piccolo bosco esistente presso Corte Guazzo (struttura di proprietà di ULS5 in fase di ristrutturazione per la creazione di una Comunità Terapeutica Protetta) e la ciclopedonale in via Artessura lungo l’argine del Canalbianco.

Il valore degli Interventi di Compensazione è di circa 400mila euro, somma che oltre a tener conto delle opere di mitigazione ambientale è rispettosa del limite del 3% dei proventi comprensivi degli incentivi vigenti, derivanti dalla valorizzazione dell’energia elettrica prodotta annualmente dall’impianto, come previsto dal DM 10 settembre 2010. Si prevede inizio dei lavori dell’impianto fotovoltaico entro gennaio 2023 e inizio delle opere di compensazione ambientale antro giugno 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie