Badia Polesine: approvato il bilancio consolidato 2023

Fra le buone notizie snocciolate da sindaco Giovanni Rossi ci sono: i pagamenti regolari dei fornitori “…la media è di 23 giorni”, il miglioramento costante della situazione di cassa 

BADIA POLESINE (Rovigo) – Con il solo voto della maggioranza, nella seduta del 29 aprile, è stato approvato il bilancio consolidato 2023.

Commentando il “vero bilancio comunale” come amava dire Gastone Fantato, il sindaco Giovanni Rossi, ha parlato di un bilancio stabilizzato “…nonostante il contesto difficile … che si ripercuote sui costi di gestione per le utenze ma anche per le materie prime che si riflettono sugli appalti”.

Fra le buone notizie snocciolate da sindaco ci sono: i pagamenti regolari dei fornitori “…la media è di 23 giorni”, il miglioramento costante della situazione di cassa “… malgrado si debbano anticipare dal 20 al 30% gli importi d’appalto con un’esposizione reale sulle anticipazioni statali del 10%. Questo pesa sugli interessi pagati nel 2023”. Diminuiscel’indebitamento, quasi dimezzato “…e perciò – evidenzia il primo cittadino – siamo nelle condizioni, qualora necessario, di fare investimenti indispensabili per la comunità”. L’altro dato positivo riguarda il saldo demografico, che registra cento residenti in più rispetto all’anno precedente: “Siamo 10.168 residenti”. 

Il dettaglio del documento contabile è stato affidato all’assessore al bilancio Stefano Baldo (foto qui sotto), che ha spiegato le voci del rendiconto di gestione 2023, dopo le dieci variazioni di bilancio rispetto al previsionale. 

Questo in sintesi il risultato: dal fondo cassa iniziale di 709.418 euro,durante l’anno si sono avute riscossioni per 17.176.605 euro ed uscite per 17.886.023 euro. Considerando il bilancio dei residui e i valori del fondo pluriennale vincolato, il 2023 si è chiuso con un avanzo di amministrazione di 1.763.077 euro. La parte disponibile, al netto degli investimenti di 208.250, è di 23.378 euro.

L’utilizzo delle anticipazioni di cassa, per complessivi 235 giorni, ha generato interessi passivi per 40.041 euro.

Per quanto riguarda gli accertamenti ed i recuperi tributari sono stati emessi 602 avvisi per l’Imu per oltre mezzo milione di euro riscuotendone 215.483, poco meno della metà. Sono stati affidati all’Agenzia di Riscossione ruoli di recupero per 22.121 di Tosap, 204.018 di Tari e 501.599 di Imu.

Le spese del personale (40 dipendenti) nel 2023 sono risultate pressoché costanti, per una spesa complessiva di 1.775.590 euro.

Minime le spese di rappresentanza degli organi istituzionali che ammontano a 1.242 euro.

Per quanto riguarda i derivati, sono stati pagati 566.164 euro (nel 2022 erano 544.746,52). I primi sono scaduti nel 2023 mentre gli ultimi scadranno a fine 2026. L’indebitamento pro capite è comunque sceso a 441,99 euro.

In generale – ha commentato Baldo – possiamo dire che la situazione del Comune sta continuando a migliorare”. 

Sempre per quanto riguarda i suoi referati, Baldo ha parlato dell’urbanistica, per la quale è stato approvato il 6° Piano degli Interventi, adeguato il regolamento per il riscatto delle aree Peep e approvato il regolamento dei crediti edilizi, oltre al regolamento della toponomastica e della numerazione civica. È iniziato anche l’iter procedurale di adesione al progetto Auro, che vede Badia capofila per la realizzazione delle piste ciclabili; un progetto di oltre 1.800.000 euro. “L’apposita convenzione è stata approvata nel Consiglio Comunale del 20 marzo scorso e si dovrebbe arrivare alla redazione dei progetti esecutivi entro l’anno”.

Per lo sport, secondo il resoconto dell’assessore, è proseguita la collaborazione con le realtà sportive locali supportandole nei loro eventi, mentre è stata completata la realizzazione del nuovo campo da padel.

Rispondendo alla domanda sull’andamento demografico dell’unica consigliera di minoranza presente, Chiara Santato (foto qui sopra), il sindaco ha spiegato che purtroppo il saldo naturale è negativo di almeno 50 unità, per cui l’aumento è dovuto all’immigrazione di circa 150 persone.  

Assente il gruppo consigliare “3Torri Badia ci piace” e due consiglieri su tre di “Badia domani”, il bilancio è stato approvato dalla sola maggioranza.

Ugo Mariano Brasioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie