Campionati Italiani di velocità di paracanoa: 2 argenti e 1 bronzo per Canoe Rovigo

I risultati ottenuti sono il frutto del sodo lavoro svoltosi presso il centro nautico e remiero dell’Ostello Canalbianco, interamente accessibile alle persone con disabilità

MILANO – Nel weekend del 16 e 17 settembre, lo spettacolare scenario del lago Idroscalo a Milano, per il tradizionale Campionato italiano di canoa velocità, è stato gremito di atleti normodotati e disabili, che condividono la stessa passione, in attività integrata consentendo l’inclusione e l’opportunità di varcare le barriere della disabilità. I risultati confermano che il Canoe Rovigo è tra i primi in Italia in questo sport a stretto contatto con la natura; la canoa paralimpica, praticata dalle persone con handicap fisico, sensoriale o intellettuale, è in continua crescita soprattutto nelle categorie Dir. Un bottino, quello di 2 argenti e 1 bronzo, che soddisfa molto l’allenatrice Aneta Andziak.

Slide 1
Slide 2
Slide 3
Slide 4
Slide 5
Slide 6
Slide 7
Slide 8

La prova che ogni ostacolo si può superare è dimostrata da Matteo Zerbetto, atleta tetraplegico che gareggia nella categoria KL1 Senior Maschile sulla distanza dei 200 e 500 metri. La sua smisurata forza di volontà l’ha portato al secondo gradino del podio per ben due volte. Due argenti appesi sul collo, due titoli da Vice Campione d’Italia che sono la ricompensa alla tenacia e dei duri allenamenti svolti tutto l’anno. 

Sorprende tutti il giovanissimo Giorgio Segato che fa un’eccezionale gara nei 500m in categoria DIR B, prende la rincorsa, aumenta a metà della distanza e riesce a superare gli avversari portando a casa la medaglia di bronzo. Nella gara di sprint arriva all’ottavo posto. Molto amareggiato, invece, è Sebastiano Ferrari che gareggia in categoria DIR A, che nonostante abbia fatto tempi migliori dello scorso anno, non riesce salire sul podio, si piazza settimo sulla distanza dei 500m, e nella gara di sprint conclude con un quarto posto in semifinale. 

I risultati ottenuti sono il frutto del sodo lavoro svoltosi presso il centro nautico e remiero dell’Ostello Canalbianco, interamente accessibile alle persone con disabilità. I canoisti del Canoe Rovigo, seguiti dagli istruttori qualificati, si allenano sistematicamente da molti anni. L’allenatrice Andziak continua a promuovere la canoa come sport adatto a tutti in un’attività condivisa tra i ragazzi disabili e normodotati, “sport in grado di superare ogni barriera, che consente di raggiungere risultati sorprendenti nel migliorare e sviluppare la sensibilità, la tolleranza, il rispetto, la disponibilità e lo spirito di collaborazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie