Gaudiello, Fiamme Oro: serve una Serie A Elite a 10 squadre, la Coppa Italia e anche una Supercoppa

La squadra della Polizia di Stato si gioca l’accesso ai playoff nelle ultime due partite per l’ultimo posto disponibile. Fiamme Oro con Rovigo e gli altri club per rilanciare il campionato 

ROMA – Le Fiamme Oro sono padrone del proprio destino. Al sesto posto in classifica nel massimo campionato italiano, si giocheranno l’accesso ai playoff delle ultime due partite di stagione regolare. Di fatto sono la società che rappresentano non solo la Polizia di Stato, ma anche l’intera Capitale. Se la Lazio punta a ritornare in Serie A Elite, la Capitolina, che ha comunque un ottimo settore giovanile, non sembra in grado di fare il salto di qualità. Eppure a Roma si gioca il Sei Nazioni, ha enormi potenzialità, ma evidentemente costruire un progetto di ampio respiro, con un sostegno economico di rilievo, è più complicato rispetto al Veneto dove la passione ovale coinvolge imprenditori del calibro di Benetton, Banzato e Zambelli.

Nella foto coach Gianluca Guidi e il coordinatore di settore del centro nazionale delle Fiamme Oro rugby, Claudio Gaudiello

La società cremisi negli ultimi anni si è strutturata investendo nel settore giovanile, come sottolinea il coordinatore di settore del centro nazionale delle Fiamme Oro rugby, Claudio Gaudiello “Abbiamo un settore giovanile corposo con oltre 300 ragazzini, l’Under 18 sicuramente accederà alle finali scudetto. Il nostro sogno è portare in prima squadra un ragazzo cresciuto nel nostro settore giovanile, e farlo diventare poliziotto”. Una scelta di vita con il motto “esserci sempre”, perché entrare nella Polizia di Stato significa lavorare per la sicurezza della comunità, perchè lo sport aiuta a crescere più in fretta e meglio, quello ovale dà anche insegnamenti ulteriori: il sostegno.

Alla ripresa del campionato i poliziotti giocheranno a Mogliano in piena lotta salvezza, anche se da settimane si parla del blocco delle retrocessioni e del ripristino del massimo campionato a 10 squadre. La squadra delle Fiamme Oro è l’unica delle prime 6 a non avere ancora la matematica certezza di disputare i playoff.

Dipende solo da noi, ci giochiamo tutto a Mogliano – spiega Gaudiello – anche se poi abbiamo una ipotetica chance in casa con il Viadana. Ma vogliamo vincerle tutte e due, ed entrare nei playoff come sesta”. 

Una ottima partenza per la squadra di coach Gianluca Guidi, poi il cammino della Fiamme oro si è fatto tortuoso “è stato un anno difficile, una serie di infortuni che hanno condizionato molto la perfomance della squadra con 7-8 titolari fuori, purtroppo per alcuni la stagione è già finita (vedi Guardiano, Carnio, Giammarioli e Forcucci, ndr). Non è un alibi, ma gli infortuni hanno inciso. Come ho detto ci vogliamo provare e giocarci tutto in due partite, nonostante tutto abbiamo la possibilità”.  

Stando così le cose, se la regular season terminasse oggi, le Fiamme Oro affronterebbero in semifinale (entrambe le gare in trasferta come da nuovo regolamento) Viadana e Petrarca. “Sono partite secche dove può succedere di tutto, soprattutto con questa formula nulla è scontato. Abbiamo il dovere di provarci fino in fondo”.  

Ricordiamo che il regolamento prevede per le semifinali (in partenza dal weekend del 27-28 aprile) due gironi da tre squadre così composto.  Girone 1: 1° classificata, 4° e 5°; Girone 2: 2° classificata, 3° e 6°. Ma tutto è ancora da decidere.

Giovedì 28 marzo le società di Serie A Elite incontreranno il presidente della Federazione Italiana Rugby Marzio Innocenti, tutte unite presenteranno le istanze già annunciate in un comunicato congiunto (LEGGI ARTICOLO). Le Fiamme Oro saranno presenti con le altre 8, sul tavolo anche il cambio della formula del campionato.

“Quella attuale è una formula diversa, che ha dato l’opportunità a due squadre in più di poter avere la possibilità di giocarsela, noi siamo sempre stati collaborativi con la Fir e tutti i club delle Serie A Elite. Abbiamo sempre cercato di mantenere un atteggiamento costruttivo e la massima collaborazione con tutti. Per l’istituzione che rappresentiamo abbiamo cercato di mantenere un ruolo super partes”. 

Un ruolo importante quello delle Fiamme Oro, che nel recente passato ha dato diversi giocatori alla Nazionale Maggiore, tra tutti capitan Carlo Canna. “E’ stato un bel Sei Nazioni, complimenti allo staff tecnico azzurro – sottolinea Claudio Gaudiello – credo che alla fine possa far bene all’intero movimento, dobbiamo essere tutti contenti di questo risultato. Sarebbe bello però se potessero essere presi in considerazione anche i giocatori della Serie A Elite, oltre a pescare nell’Urc. Secondo me ci sono alcuni validi giocatori che potrebbero meritarlo”.

Inevitabile una domanda sul derby di domenica 24 marzo che ha visto prevalere la FemiCz 12-10 (LEGGI ARTICOLO) “Il Rovigo secondo me è la squadra più solida del campionato, ma anche il Petrarca. Ho visto una bella partita, un pubblico meraviglioso, un bel colpo d’occhio, poi la possibilità di averla su Rai2 è stata la ciliegina sulla torta”.

Sul futuro del massimo campionato italiano Claudio Gaudiello ha le idee chiarissime “Deve essere a 10 squadre, serve ripristinare la Coppa Italia allargandola nei turni preliminari alla Serie A1, e secondo me sarebbe interessante anche una Super Coppa Italiana tra la vincitrice del campionato e della Coppa Italia, come nel calcio. Il nostro movimento ha bisogno di giocare per farsi notare, è uno dei tanti motivi per cui abbiamo aderito alla Serie A Elite cup (la competizione snobbata dalla maggior parte dei club), per inserire anche i nostri giovani”.

Giorgio Achilli

La Classifica a due giornate dal termine della stagione regolare: FEMI-CZ Rovigo punti 54**; Rugby Viadana 1970 51**; Petrarca Rugby 44**; Valorugby Emilia 43*; HBS Colorno 42*; Fiamme Oro Rugby 31**; Sitav Rugby Lyons 27**; Mogliano Veneto Rugby 27**; Rangers Vicenza 3**

*15 partite giocate; **14 partite giocate

17.giornata

6 aprile ore 14:30

Mogliano – Fiamme Oro

ore 15:30

Valorugby – Rovigo

7 aprile 15 e 30

Vicenza – Viadana

Petrarca – Lyons

riposa Colorno 

18.giornata

13 aprile

Lyons Piacenza – Colorno  (ore 14)

Petrarca – Mogliano (ore 15:30)

14 aprile ore 15e30

FemiCz Rovigo – Vicenza

Fiamme Oro – Viadana

riposa Valorugby 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie