Nuova liquidità in vista per la Casa del Sorriso di Badia Polesine

I lavori di ristrutturazione del Punto sanità diventano una preziosa occasione per risanare il bilancio della casa di riposo presieduta da Tommaso Zerbinati

BADIA POLESINE (Rovigo) – Vale almeno 1 milione di euro la proposta in discussione in Regione del Veneto fatta dalla struttura presieduta da Tommaso Zerbinati per poter ospitare temporaneamente, almeno per 2 anni, i 20 ospiti attualmente seguiti dal Centro di salute mentale dell’Ulss 5 Polesana al Punto sanità di Riviera Giovanni Miani a Badia Polesine.

Con la presentazione del piano industriale la Casa del Sorriso ipotizza di accogliere l’unità estensiva psichiatrica all’interno della propria struttura di via S. Nicolò fornendo esclusivamente servizi di carattere generale come l’alloggio, il vitto, il riscaldamento ed il raffrescamento, le manutenzioni.

Tutta la forza lavoro sarà svolta dal personale già in carico ad Ulss 5 Polesana che segue i pazienti presso il punto sanità cittadino.

La proposta prevede di utilizzare il nucleo Topazio della casa di riposo che è stato liberato già da metà estate 2022 ed è in fase di allestimento per il trasferimento dei pazienti psichiatrici.
La struttura garantisce inoltre accessi ed uscite separate dagli attuali ospiti della casa di riposo per evitare qualsiasi possibilitò di reciproche interferenze operative.

Ultime notizie