Xanto Avelli, un artista mondiale

Un progetto ideato e realizzato da Fondazione Rovigo Cultura, dopo 43 anni dal grande convegno si è tornati a fare ricerca fra i fondi archivistici 

ROVIGO – Si terrà dalle 9.30 di venerdì 26 maggio, presso la Sala Flumina del Museo dei Grandi Fiumi di Rovigo, il convegno “Xanto Avelli, un artista mondiale”, progetto ideato e realizzato da Fondazione Rovigo Cultura, patrocinato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Rovigo, dalla Provincia di Rovigo e dalla Regione del Veneto.

Dopo 43 anni dal grande convegno svoltosi a Rovigo e varie iniziative che si sono succedute nel tempo per la valorizzazione di Xanto Avelli, si è tornati a fare ricerca fra i fondi archivistici al fine di conoscere aspetti, per alcuni versi ancora da indagare, della vita artistica e umana del grande artista rinascimentale.

Il Convegno fa parte di un progetto multi azione che, per la sua complessità e per l’elevato numero di Istituzioni coinvolte, ha richiesto un’organizzazione pluriennale.

Esso è costituito, infatti, da più azioni che possono essere raggruppate in tre grandi tematiche: ricerca scientifica, approfondimento didattico e valorizzazione di luoghi identitari. L’incontro di venerdì costituisce un momento di restituzione e divulgazione dei risultati dell’intenso lavoro svolto nei mesi scorsi. Il ricco programma vedrà susseguirsi le voci di Chiara Vallini, conservatrice del Museo dei Grandi Fiumi; di Marialucia Manegatti e Filippo Duro vincitori delle Borse di ricerca rispettivamente con le Università di Ferrara e di Urbino finanziate da Fondazione Rovigo Cultura; e di Elisa Sani, J. Mallet e S. Higgot organizzatori della mostra su Xanto Avelli alla Wallace Collection di Londra.

Anche il Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza sarà presente a Rovigo con Valentina Mazzotti, conservatrice delle collezioni faentine, che avrà il compito di moderare gli interventi e trarre le conclusioni della mattinata di studi. Alla sezione tecnico‐scientifica, che indagherà gli aspetti della ricerca, si affiancherà la sezione dedicata all’azione didattico‐formativa. La dirigente del Liceo Celio‐Roccati, Anna Maria Pastorelli, illustrerà il lavoro svolto dagli studenti di tre classi del Liceo Artistico che hanno avuto modo di conoscere e sperimentare la tecnica stilistica di Avelli attraverso le lezioni dei docenti e l’ausilio di attività formative esterne svolte in collaborazione con l’Associazione Minimiteatri e l’Università di Ferrara previste dalla declinazione del Progetto di Fondazione Rovigo Cultura rivolta alle scuole.

La relazione fra musica e immagini è riservata alle parole di Maria Grazia Faganello, Vincenzo Soravia e Marco Biscarini rispettivamente Presidente, Direttore e Docente al Conservatorio Statale di Musica “F. Venezze” di Rovigo dalla cui collaborazione è nata la colonna sonora di “Xanto Avelli da Rovigo”, il video che narra la vita artistica e umana di Xanto Avelli e visibile sul canale Youtube della Fondazione.

Gli interventi si alterneranno alle note dell’arpa di Michele Valcanover e del violino di Angelica Ballo del Conservatorio rodigino.

Infine, ad allietare la mattinata del convegno di Rovigo, saranno presenti anche gli studenti Dell’Ipseoa “G. Cipriani” di Adria (Ro), che dopo essersi documentati su Xanto Avelli e le sue opere, provvederanno all’accoglienza e a un rinfresco a tema. Informazioni: www.rovigocultura.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

Ultime notizie